July 16, 2018
  • facebook
  • twitter
  • youtube
  • instagram

Black Mirror 3×05 – Gli Uomini e Il Fuoco

  • da Federico Di Crescenzo
  • 28 dicembre 2017
  • Comments Off

La quinta puntata della terza serie della serie antologica di Charlie Brooker è Man Against Fire, in italiano Gli Uomini e Il Fuoco, e ci presenta una formula nuova, persino per Black Mirror che ci ha abituato a preziosismi non di poco conto. Un episodio in pieno contrasto con l’episodio precedente, San Junipero, in cui ci viene prospettato un futuro sempre più dipendente dalle macchine ma non per questo meno colmo di anima e d’amore (diciamocelo, nessuno può odiare quella puntata). Qui la realtà dipinta è una delle peggiori che si possano prevedere, un mondo in guerra e una componente umana totalmente soggiogata. Per molti aspetti ricalca uno dei miei preferiti delle vecchie puntate, 15 Milioni di Celebrità: la società come la conosciamo noi non esiste più, e il nostro protagonista cerca di ritrovare l’umanità persa districandosi all’interno di un sistema congegnato per appiattire le coscienze, fallendo.

In questo episodio Brooker compie un esperimento fino ad ora inedito: se nelle scorse puntate il suo lavoro si è basato sull’esasperazione di una tecnologia reale o dell’uso che noi, qui ed ora, ne facciamo di essa, in Man Against Fire la formula poggia sull’incrocio tra la realtà odierna, in questo caso della corsa cinica e ossessiva al miglioramento delle tecniche di guerra dei grandi Governi, e una tecnologia che lui stesso ha “inventato” nell’episodio 1×03, The Entire History of You. Il risultato è un’episodio decisamente solido dal punto di vista visivo, tematico e di sceneggiatura, nonchè uno dei più calzanti al’interno della filosofia di Black Mirror nonostante l’ambientazione sia molto distante dal reale.

Per chiunque ne abbia bisogno, la sinossi è nello spoiler!

Mostra

Siamo in un futuro imprecisato, in un luogo non definito. Il soldato Stripe (Malachi Kirby) è una nuova recluta di un Esercito che, almeno fino alla fine, non sappiamo che tipo di origine abbia. Tutti i soldati, compreso ovviamente Stripe, hanno un impianto cerebrale chiamato MASS, il cui obiettivo è quello di migliorare le prestazioni del soldato attraverso interfacce virtuali, non molto differenti da quelle che vediamo nei videogames. Nella sua prima missione fuori dalle mura della caserma Stripe viene a contatto con il mondo esterno e noi con lui: la gente con cui viene a contatto compone una società rurale basilare, il cui linguaggio si è evoluto in modo diverso rispetto al mondo da cui provengono i componenti del corpo militare. Scopriamo che il villaggio è stato attaccato dai cosiddetti Scarafaggi, che hanno razziato parte delle riserve alimentari e intaccato la parte rimanente, e viene indicato Parn Heidekker (Francis Magee), un prete, come mandante. I soldati si apprestano a perquisire la casa del prelato, che, scoprono, ha concesso asilo a tre di questi Scarafaggi. I Roaches sembrano essere mutazioni umane, il loro volto è animalesco come anche il loro comportamento aggressivo. Stripe ne uccide due su tre, uno di questi con un coltello durante una colluttazione, mentre la co-protagonista, Hunter (Madeline Brewer), si fa sfuggire il terzo. Stripe, poco prima dell’incendio precauzionale provocato dai soldati stessi, trova un oggetto elettronico rudimentale simile ad un candelotto (o un Cacciavite Sonico, per intenderci) con tre led verdi su una delle due estremità, che in qualche modo sembra interferire con il MASS. Al ritorno dalla missione il protagonista viene premiato per aver eliminato i due scarafaggi: il premio, inaspettatamente, consiste in un sogno erotico con una ragazza, probabilmente la sua fidanzata, che però fallisce nel suo intento a causa di un glitch, che lo distoglie dal suo sonno. Il giorno dopo Stripe accusa altri glitch e disturbi fisici, e dopo aver passato il test medico, si confronta con Arquette (Michael Kelly), lo psicologo, che non rivelerà anomalie di sorta, sebbene non mancherà di notare che il suo assistito parla degli Scarafaggi con “lui” e “lei”, anziché con il neutro, di uso comune quando si parla di animali. Durante la seconda missione in cui sono presenti solo Stripe, Hunter e il loro Leader, che morirà di lì a poco, il MASS smette di funzionare. Avviene uno scontro tra i due militari rimasti, in quanto Stripe, che non è più soggiogato all’impianto neurale, vede semplici civili, mentre Hunter è convinta di avere davanti a lei degli Scarafaggi. Hunter ne esce vincitore, e si mette in fuga insieme alla civile rimasta e al suo figlio adolescente.

Nel loro nascondiglio lo “scarafaggio” Catarina rivela che l’impianto neurale maschera la loro vista mostrandogli tutti quegli esseri umani nati con una mutazione genetica nel sangue con sembianze mostruose, e che loro hanno cercato di “hackerarlo” con degli impulsi luminosi attraverso il dispositivo prima citato. Catarina prosegue dicendogli che 10 anni prima una Guerra globale è sfociata in un genocidio verso questa nuova “razza” considerata inferiore, e che anche i civili senza MASS li vedono come bestie a causa del pregiudizio nato dalla propaganda di guerra. All’improvviso Hunter riappare, uccidendo Catarina e il ragazzino, e rendendo Stripe incosciente. Il protagonista si risveglia all’interno di una cella bianca in compagnia di Arquette. Lo psicologo gli spiega che il dispositivo a led degli Scarafaggi agiva appunto come un virus che avrebbe disattivato il MASS, e prosegue mettendo sul tavolo tutta la verità: non solo il sistema neurale migliora le prestazioni dei soldati, ma non fa percepire gli urli, gli odori, e tramuta il loro nemico in mostro per deumanizzarlo e rendere più efficaci le missioni militari. Mostra a Stripe alcuni video, in particolare il footage della sua prima missione non filtrata dal MASS e la sua accettazione al protocollo per la protezione della linea di sangue dell’umanità e quindi la sua adesione all’utilizzo del sistema neurale, momento di cui lui non ha memoria. A questo punto Arquette gli offre una scelta, se andare definitivamente in prigione con negli occhi la proiezione continua del momento in cui ha ucciso degli innocenti, o l’eliminazione di tutti i ricordi concernenti la verità del MASS e un congedo con onore. Nella scena conclusiva lo vediamo tornare a casa con i gradi addosso, segno che ha accettato la proposta dello psicologo, con negli occhi la visione della sua vecchia casa in perfetto stato e la sua fidanzata sull’uscio ad aspettarlo. La realtà intorno a lui invece, non filtrata dal MASS, mostra una casa deserta e dilapidata dal vandalismo.

C’è da dirlo, è una puntata che personalmente mi ha colpito, sebbene manchi un po’ dell’immersione dello spettatore per ovvi motivi. L’intreccio è funzionale al plot twist, anche se c’è da dire che se al momento della rivelazione sale improvvisamente la voglia di rivedere l’episodio con occhi nuovi, tutto ciò si smonta nel momento in cui lo psicologo mostra i footage. Scelta giusta per quanto riguarda la consistenza della sua minaccia finale, sbagliatissima per lo spettatore, ma sono scelte autoriali e le accettiamo. E’ interessante vedere, come dicevo prima, come Brooker abbia buttato di nuovo nell’impasto qualcosa da lui creato, mettendo quindi nel circolo di cause ed effetti ciò che lui stesso aveva indicato come punto di arrivo ma mai come punto d’inizio, e spero che si ripeta in futuro. Certo, la cosa può puzzare di autocitazionismo, e tant’è, ma il risultato è tutt’altro che sgradevole.

Per quanto riguarda il comparto tecnico nulla da sindacare se non forse nelle musiche, spesso troppo poco incisive, per il resto il lato visivo della puntata funziona, il regista Jakob Verbruggen (In Bruges) non si allinea alla regia tipica dei war-movie rimanendo pulito ed efficace, regalando allo spettatore un’ottima resa visiva anche se poco “british”, a conferma della svolta dovuta al cambio di emittente. La CGI, che in questa stagione è davvero altalenante, qui sortisce il suo effetto, ce n’è poca ed è utilizzata in modo intelligente, questo basta. Parlo a voi, Playtest e Hated In The Nation.

La puntata dura poco se messa in relazione ai contenuti trattati, ma è da apprezzare il lavoro di narrazione su più livelli che autore, regista e attori hanno messo su in un’ora di screentime. La realtà rappresentata è estremamente tridimensionale, si parte da una realtà consolidata e conosciuta come quella dell’ambiente militare e si svela pezzo per pezzo tutto ciò che la circonda, rivelando una situazione complessa con poche, pochissime scene. Non solo sappiamo che la società è spaccata tra civili e Scarafaggi a causa di una guerra mondiale come ci spiega il personaggio di Catarina, sappiamo per esempio che l’esercito è il corpo armato di un’azienda o al massimo di un protocollo governativo (lo si intuisce dal cartellone pubblicitario, lo Stato di per sè non avrebbe bisogno di sponsorizzare nulla a meno che non sia qualche programma a cui aderire); Il popolo è spaccato in almeno tre parti diverse visto che oltre alle due citate sopra c’è anche la fetta di civili regolari da cui proviene Stripe visto che nel video d’arruolamento ha vestiti normali e ben puliti; I tre livelli su cui si distribuisce la popolazione sono ben separati ed ostracizzati, tanto da non parlare neanche più la stessa lingua e avere la necessità di un traduttore; La società più altolocata ha perso totalmente il distacco dalla natura, vediamo come uno dei soldati, alla fine della prima missione, rimane senza parole a fissare il falco in cattività, come se a malapena sapesse della loro esistenza. Insomma, è facile notare da pochissimi dettagli come sia profonda e complessa la storia a cui stiamo assistendo.

Il sistema MASS è sicuramente qualcosa di cui temere, e se ci riflettiamo per bene Charlie Brooker non l’ha esattamente tirato fuori dal cilindro. Il discorso di Arquette nell’ultimo atto dell’episodio non è casuale: i dati da lui esposti sono presi da libri realmente esistenti e nella “recommended reading list” del corpo dei marine Americano, quali (per l’appunto) Man Against Fire: The Problem Of Battle Command del Generale S.L.A. Marshall, scritto post-Seconda Guerra Mondiale, e On Killing: The Psychological Cost of Learning to Kill in War and Society di Dave Grossman, in cui si sottolinea come l’essere umano sia in realtà reticente ad uccidere, e afferma che nell’addestramento militare sia necessario un addestramento mirato a rompere questa resistenza innata con lo scopo di formare un soldato efficiente, metodo utilizzato nella Guerra del Vietnam. Il MASS è la possibilità di evoluzione più negativa che una filosofia militare del genere può avere, la totale disumanizzazione, non tanto del soldato, quanto del nemico. Nient’altro che Black Mirror, applicato alle warfare technologies. 

Esistono frasi ed aforismi su internet che ricalcano una delle radici che Man Against Fire utilizza, il concetto di base è che le guerre non hanno fine perché non si è in grado di dire “mi arrendo” nella lingua del tuo nemico. Sul piano pratico il MASS non fa altro che applicare questo concetto isolando qualsiasi input che coloro che vengono cacciati possano provare a dare verso i cacciatori, trasformati in vere e proprie macchine. Per non parlare del premio: niente medaglie, riconoscimenti o denaro, il premio è l’Eros, l’esperienza sensoriale, che di giorno viene loro totalmente preclusa, durante il sonno, in cui possono immaginare il migliore dei mondi. E’ palese a questo punto vedere come il dito, che Brooker all’inizio puntava solo sul corpo militare, sia direzionato ora verso il mercato dell’illusione, della propaganda commerciale che attraverso sentimenti preconfezionati e sensazioni volatili compra la nostra fedeltà a discapito della libertà e dell’uguaglianza.

Black Mirror – La tecnologia secondo Charlie Brooker

Precedente «
Successiva »

Podcast