May 27, 2019
  • facebook
  • twitter
  • telegram
  • youtube
  • instagram
  • paypal
Doctor Who

Doctor Who 11×07 – Kerblam! | Recensione

  • di Peppe Mulfari
  • 21 Novembre 2018
  • Comments Off

Guardando Kerblam! si ha una sensazione molto strana. Come nel primo tratto dell’undicesima stagione di Doctor Who, si ha la sensazione che Chris Chibnall torni consapevolmente all’era supervisionata da Russell T. Davies. Questo spiega il trittico di apertura del presente-futuro-passato dei primi tre episodi. Kerblam! è il tipo di storia futuristica che Davies racconterà spesso nelle prime stagioni, come New Earth, Gridlock o Planet of the Ood. Potrebbe anche riflettersi in episodi come The Long Game o Midnight. È interessante notare che l’episodio è popolato con quella sorta di iconografia codificata politicamente che definiva quelle storie, iconografia che era stata in gran parte rimossa da The Ghost Monument in favore di alcuni ampi contributi su come il capitalismo è una corsa al successo distruttiva senza reali profondità sul tema.

Kerblam! è molto apertamente una storia sull’ipercapitalismo, con l’omonima società che è una parodia di Amazon. Questo è molto più apertamente politico di qualsiasi sottotesto che possa essere letto nelle altre storie “future” della stagione come The Ghost Monument o The Tsuranga Conundrum. A seguito di episodi come Arachnids in the UK e Demons of the Punjab, sembra che Kerblam! sia posizionato come una sorta di commento sociale, usando il futuro fantascientifico ampiamente disegnato allo stesso modo in cui lo erano anche i racconti dell’era Moffat come The Beast Below, Smile o Oxygen. Su un livello puramente superficiale, Kerblam! sembra che voglia impegnarsi con l’eredità dell’era Davies come qualcosa di più di un’estetica, comprendendo il potenziale da utilizzare in un quadro fantascientifico, esagerato e fumettistico, per inserire un commento sociale genuinamente provocatorio sul consumismo. Sfortunatamente, l’episodio prende una serie di sterzate molto brusche e vira decisamente fuori rotta, con l’ipotesi surreale che “i sistemi non sono il problema”.

Purtroppo, il modo in cui Kerblam! si approccia al concetto è schiacciante e mal giudicato. È ampio e goffo, senza alcuna reale comprensione delle meccaniche di base in gioco e qualsiasi desiderio di impegnarsi con le idee più grandi al centro della premessa. Ci sono due grossi problemi con Kerblam! Il problema più ovvio è una semplice scelta di storytelling, dove lo scrittore Pete McTighe è più interessata a brusche virate e sovversioni drammatiche di cliché che a impegnarsi realmente con le grandi idee. L’altro problema è il più ampio contesto politico dell’era Chibnall. Prendendo in considerazione il punto uno, è molto chiaro che Pete McTighe ama l’idea stessa di scrivere per Doctor Who . La sceneggiatura è interessante, elettrizzante all’idea di giocare con questi giocattoli familiari. Anche se i primi episodi della stagione come Rosa sono stati riempiti con riferimenti di continuità silenziosi, Kerblam! ritorna apertamente e affettuosamente in continuità con le epoche di Davies e Moffat. Questi non sono riferimenti ovvi. La consegna che inizia l’episodio è un riferimento a una battuta veloce in The Big Bang . Il Dottore fa riferimento a The Unicorn and the Wasp . Tuttavia, forse il riferimento più ovvio del fandom di McTighe è il fatto che Kerblam! dipende da ciò che equivale a uno scherzo omicida. Kerblam! trova un modo per rendere le bolle da imballaggio spaventose. In superficie, questo fa parte della ricca tradizione di Doctor Who che rende le cose ordinarie spaventose, come i manichini in Spearhead from Space o le statue in Blink . Tuttavia, è anche uno scherzo molto intuitivo su alcuni dei più noti fallimenti di effetti speciali dell’era classica, che riguardano anche gli amati episodi come The Ark in Space . È uno scherzo ironico e consapevole. E funziona.

Per essere onesti, è chiaro che McTighe ha familiarità con il modello e la struttura di Doctor Who . Alcuni episodi dell’undicesima stagione hanno faticato un po’ a bilanciare un cast principale di quattro personaggi, il più grande gruppo TARDIS coerente dall’epoca Davies e abbastanza vicino al complimento della troupe per l’inizio dell’era Hartnell. Episodi come The Ghost Monument e The Tsuranga Conundrum hanno faticato un po’ per assicurarsi che ognuno dei protagonisti avesse qualcosa di rilevante da fare e ha sofferto nel raggrupparli troppo strettamente insieme. Anche solo in termini di design, Kerblam! evoca storie come Paradise Towers o The Happiness Patrol o Planet of the Ood . La storia si svolge in un ambiente vagamente familiare, come un complesso di appartamenti o un ambiente politicamente carico o una fabbrica, e usa solo le sue impostazioni futuristiche per trasformare tutto in un pericolo. Tuttavia, nel fare ciò, McTighe ignora il vero significato di storie come quelle che sta sovvertendo. Se episodi come Planet of the Ood e Paradise Towers riguardavano problemi con i moderni sistemi politici e sociali, allora invertendo quel modello base diventa una storia sulla difesa di quei sistemi politici e sociali. McTighe è così entusiasta di sovvertire gli questo tipo di archetipici  che non pensa mai a cosa sia il contrario. Kerblam! è effettivamente una storia su come un’ Amazon nello spazio sia una grande idea e tutto è fantastico, e la cosa peggiore è che alcune persone non sono contente. In quanto tale, c’è qualcosa di incredibilmente codardo in come Kerblam! sceglie di costruire un’orrore esistenziale di come affrontare le persone con la loro complicità in grotteschi sistemi di abuso. Kerblam! riduce l’orrore veramente al fondamentale e inquietante cuore di quella leggenda urbana spesso ridicolizzata e lo riduce a un tocco economico. Più di questo, cerca di neutralizzare la paura in cui la storia dell’orrore è essenziale.

Il Dottore indaga effettivamente su una di quegli orrori e determina che il sistema è assolutamente valido. Il pubblico a casa può continuare a ordinare da rivenditori online come Amazon. Non c’è bisogno di preoccuparsi.Ci sono molte piccole lacune nella trama e incongruenze nell’episodio, che riflettono il senso in cui McTighe ha effettivamente decodificato l’episodio dai suoi grandi momenti e dai colpi di scena centrali. Il rivelare che Charlie è il cattivo è legittimamente un buon colpo di scena. Tuttavia, è così buono perché non ha senso . Non si adatta a nulla che il pubblico abbia visto, e contraddice anche in modo piatto diversi precedenti sviluppi. Se Charlie riesce ad arrivare al centro della luna così facilmente, perché prendere i trasportatori per salvare Kira? Se Charlie è un genio malvagio, perché aiutare Graham a rubare una mappa? È goffo.Tutto ciò indica una grande svolta in cui il Dottore apprende un’importante lezione sui pericoli dei sistemi non controllati e su come possono spogliare l’umanità alla ricerca del profitto o dell’efficienza. Tuttavia, quel momento non arriva mai. Invece, gli istinti iniziali del dottore su un guastafeste umano sono corretti. Si rivela essere il bidello della classe operaia piuttosto che i tipi di gestione di classe superiore.Tutto questo si costruisce in un momento surreale in cui il Dottore affronta Charlie e gli dice – del tutto seriamente – che “i sistemi non sono il problema; come la gente usa e sfrutta il sistema, questo è il problema. ” Non è una brutta discussione, universalmente. Dopo tutto, la democrazia è un sistema relativamente buono, ma può essere sfruttato cinicamente. Tuttavia, il Dottore non sta discutendo sulla democrazia. Sta discutendo l’idea dei sistemi in generale e del capitalismo incontrollato in particolare .Questa è una affermazione scioccante per un personaggio che è in gran parte definito come un bohémien che viaggia nel tempo. Il Dottore abbandona il cielo e combatte l’ingiustizia in tutte le sue forme, anche se quell’ingiustizia è un sistema piuttosto che un individuo. Per essere onesti, ci sono stati episodi individuali in cui il Dottore non è riuscito a mantenere tale promessa; come rendere tutta l’umanità complici in genocidio in The Impossible Astronaut e The Day of the Moon o nella cultura degli Ice Warrior in Cold War . Gli scrittori commettono errori, in particolare lavorando alle scadenze e accecati da altri aspetti della storia che stanno raccontando. Tuttavia, questo non è un passo falso di un singolo episodio. Kerblam! non esiste come outlier nel più ampio contesto dell’undicesima stagione.

Non è un inciampo momentaneo, una scelta narrativa povera fatta semplicemente per facilitare che questa storia individuale sia raccontata. Invece, è un modello coerente di comportamento. È un’estensione della riluttanza del Dottore a usare il TARDIS per distruggere Ilin in The Ghost Monument , nonostante la sua calcolata crudeltà. È il dottore che partecipa al razzismo sistemico in Rosa piuttosto che abbattere l’intero sistema. È il Dottore che scherza mentre si separano l’India e il Pakistan in Demons of the Punjab . Forse il lavoro di Chibnall su The Hungry Earth e Cold Blood è stato istruttivo a questo riguardo. Doctor Who non è stato così fermamente conservatore in prospettiva dall’era Pertwee. Questo è un pensiero tetro. Sebbene Pertwee abbia avuto un enorme successo per la serie in termini materiali, spesso nella sua prospettiva è sembrato miope e di mentalità ristretta, offrendo una versione del personaggio che si è assestata un po’ troppo facilmente nelle trappole del privilegio e che si è integrata troppo facilmente nei sistemi di autorità e violenza. Almeno il Terzo Dottore aveva la scusa di rimanere intrappolato sulla Terra per un lungo periodo della sua vita e doversi sistemare in un mondo che non era il suo. Al contrario, il tredicesimo dottore ha tutto il tempo e lo spazio a sua disposizione, eppure non sembra mai in grado di immaginare che le cose siano diverse da come sono nel momento presente.


Di seguito vi lasciamo con il trailer del ottavo episodio dell’undicesima stagione di Doctor Who dal titolo “The Witchfinders”:

Previous «
Next »