July 21, 2019
  • facebook
  • twitter
  • telegram
  • youtube
  • instagram
  • paypal
Doctor Who

Doctor Who 11×08 – The Witchfinders | Recensione

  • di Peppe Mulfari
  • 26 Novembre 2018
  • Comments Off

The Witchfinders è forse il tentativo dell’undicesima stagione di Doctor Who di girare un vero e proprio episodio storico con annessa celebrità storica. È un episodio molto più vicino alla tradizionale modalità di avventura fantascientifica che abbiamo visto in Rosa o Demons of the Punjab, ma per la prima volta è ambientato nella storia britannica. Come per Arachnids in the U.K., il format di The Witchfinders si rifà alla struttura e ai ritmi dell’era Davies, sentendosi come un accompagnamento di episodi come The Unquiet Dead, The Shakespeare Code o The Unicorn and the Wasp. (Ci sono una manciata di esempi dell’era Moffat, in particolare Victory of the Daleks e Vincent and the Doctor , ma sono sensibilmente meno). Evoca un particolare periodo storico che tende ad essere ben noto in senso generale, ma meno familiare in ogni dettaglio specifico. The Witchfinders si concentra sul Dottore e il TARDIS che si aggira nei processi alle streghe che hanno avuto luogo durante il diciassettesimo secolo, supervisionato da Re Giacomo I. C’è persino un bel legame con The Shakespeare Code, con la connessione storica tra quelle prove delle streghe e Macbeth di William Shakespeare.

The Witchfinders si trova spesso intrappolato tra due estremi. L’idea di rimandare la prima Dottoressa in questa caccia alle streghe per i commenti sociali, forse anche più direttamente di quello con cui si sono impegnati gli episodi storici come Rosa o Demons of the Punjab. In effetti, c’è qualcosa di furbo e sovversivo nella rappresentazione dell’episodio della sua figura celebrità – in questo caso Re Giacomo I – come una figura profondamente imperfetta piuttosto che qualcuno da venerare. D’altra parte, The Witchfinders è una tipica avventura storica di epoca moderna. Il Dottore scopre inevitabilmente che ci sono alieni sinistri al lavoro in un ambiente storico, che pianificano un’invasione e minacciano di far deragliare l’intero corso della storia. Questi alieni servono a fornire una spiegazione per un evento storico e persino a permettere al Dottore di avere un impatto più diretto sulla vita di un’importante figura storica, prima di scomparire nel TARDIS.

Questo è molto simile ad episodi della serie classica come The Visitation o The Mark of the Rani. Questi due estremi sostengono l’episodio, portando The Witchfinders ad essere molto interessante. È troppo serio per essere goduto puramente come un divertente da un ora, ma è incredibilmente malizioso per funzionare come penetrante commento sociale. Per essere onesti, c’è qualcosa di immediatamente rinfrescante nel vedere il tredicesimo dottore in piedi su una figura autoritaria, in particolare storica. Rosa o Demons of the Punjab hanno fatto molto per sottolineare la passività di questa incarnazione del personaggio. Ha funzionato meglio in Demons of the Punjab che in Rosa , ma entrambi gli episodi si basavano sull’idea che il Dottore si trovasse di fronte a un’ingiustizia sistemica e non facesse nulla. Questo non è solo un tema negli episodi storici; il Dottore salvò una mostruosa corporazione in Kerblam! , ha rifiutato di intervenire in quella che potrebbe essere descritta come una “corsa alla morte” in  The Ghost Monument e ha rifiutato di rovesciare un politico malvagio in Arachnids in the U.K. Questo sembra un ritorno alla volontà storica del personaggio di mettere la moralità davanti a concetti come l’integrità della storia; il dodicesimo dottore che colpisce un razzista in faccia a Thin Ice , per esempio.

È emozionante vedere il Tredicesimo Dottore gettarsi nella situazione ancor prima che venga rivelata una minaccia aliena per giustificare tale intervento. Naturalmente, questo è meglio che rendere il Dottore complice di qualcosa di orribile come la caccia alle streghe o il razzismo, ma in qualche modo illustra il problema con il tentativo di affrontare grandi problemi come questo nel contesto di una celebrità storica. The Witchfinders fa un lavoro migliore di comprendere il nucleo morale del Dottore , anche se manca dell’eleganza e dell’efficacia. Detto questo, ci sono alcuni tocchi molto intelligenti in The Witchfinders che giocano con le aspettative e i ritmi di queste storie. Alan Cumming nel ruolo di Re Giacomo in The Witchfinders sembra una celebrità storica e cammina come una celebrità storica. Cumming è un tesoro nazionale e un amato attore. Artista scozzese con una serie di premi e nomination – tra cui quattro nomination all’Emmy, due nomination al Golden Globe, due nomination a Cannes per The Anniversary Party – è una sorpresa che gli ci sia voluto così tanto tempo per apparire in Doctor Who. Alan Cumming come re Giacomo I appartiene ad una lunga serie di “Attori britannici internazionali” che sono apparsi in Doctor Who che comprende Ian McNeice come Wintson Churchill, Tony Curran come Vincent Van Gogh, Simon Callow come Charles Dickens, Pauline Collins come Queen Victoria, Dean Lennox Kelly come William Shakespeare, Fenella Woolgar come Agatha Christie, Tom Riley come Robin Hood. Il formato di questi episodi è in gran parte uno dei festeggiamenti dell’iconico personaggio britannico.

Nella maggior parte dei casi, il Dottore si incontra con una persona famosa e meravigliosa che ha fatto la storia.Questo è vero anche in quegli episodi in cui il Dottore e la star ospite potrebbero trovarsi l’un l’altro in contrasto. Alla fine di Tooth and Claw la regina Vittoria bandisce il Dottore dal suo regno, ma questo è un giudizio che ha solo un peso morale perché l’episodio tratta la Regina Vittoria come un personaggio che merita rispetto e dignità. Allo stesso modo, il Dottore si oppone a Robin Hood in Robot of Sherwood , ma i due raggiungono un reciproco rispetto entro la fine dell’episodio. Certo, c’è una tensione intrinseca in questi episodi. In alcuni casi, l’amicizia del dottore con queste figure ha senso; il Dottore potrebbe essere attratto da bohémien e artisti come Van Gogh e Dickens, o fuorilegge come Robin Hood. Tuttavia, è più difficile conciliare la fissazione del dottore con leader famosi responsabili di decisioni terribili. Cosa pensa il Dottore del coinvolgimento di Churchill nelle carestie indiane ? Questo tipo di disconnessione è perfettamente catturato dal riferimento del Dottore a Lord Mountbatten in Demons of the Punjab .Come tale, c’è qualcosa di diverso nel modo in cui l’apparizione di Alan Cumming come Re Giacomo I serve a decostruire questa fantasia romantica.

Re Giacomo I ha molti pregiudizi sul suo tempo. C’è un forte spintone sul personaggio all’interno dell’episodio che si rinnova dopo tanti episodi che venerano figure storiche complicate e fastidiose come Winston Churchill o Queen Victoria. La “celebrità storica” è, per sua natura, un’approvazione passiva della cosiddetta “teoria del grande uomo della storia”. Perfino Rosa . Il ritratto di Re Giacomo I funge da correttivo da lungo tempo, in particolare in un momento in cui le narrazioni nostalgiche di un passato idealizzato vengono utilizzate per alimentare l’odio e il risentimento nella politica contemporanea. Ignorando il modo in cui The Witchfinders evita di coinvolgere troppo pesantemente gli uomini nell’atto di perpetuare la misoginia, l’episodio si mette nei guai quando si tratta di integrare con le aspettative di un’avventura del viaggio nel tempo con gli alieni. In Demons of the Punjab sono riusciti in modo intelligente a caratterizzare un elemento alieno senza permettere a quell’elemento di distrarre dall’ambientazione e dalla storia, posizionando questi alieni come testimoni di una grande tragedia umana. Al contrario, The Witchfinders ricade sul vecchio modello di “celebrità storica” che entra in contatto con gli alieni pensando che sia un terrore soprannaturale (con qualche associazione alla figura storica in questione). The Unquiet Dead permise a Charles Dickens di trovarsi faccia a faccia con entità che sembravano fantasmi, mentre The Shakespeare Code portava Shakespeare alle prese con le streghe. Quindi, inevitabilmente, The Witchfinders trova la necessità di portare Re Giacomo a scontrarsi con una minaccia aliena che potrebbe erroneamente essere interpretata come stregoneria. In questo caso, è il Morax. Sebbene si tratti di una mossa diretta dal libro di esercizi “celebrità storica” , riduce in maniera massiccia il peso della narrativa e i temi dell’episodio.

Qualunque episodio riguardante le prove storiche delle streghe o le caccie alle streghe che caratterizzano le streghe reali deve essere molto attento, perché rischia inevitabilmente di giustificare quella che era essenzialmente una misoginia sistemica armata. The Witchfinders sostiene infine che i suoi personaggi umani hanno ragione ad aver paura, che questa piccola comunità è del tutto giustificata nel volgersi alla paranoia e all’incertezza. C’è una minaccia sepolta nella loro comunità, e quella minaccia si è attaccata a una potente figura femminile. Dato quanto strumentale Becca Savage è per il piano Morax, si potrebbe persino sostenere che gli abitanti del villaggio in The Witchfinders stavano semplicemente uccidendo le donne sbagliate . Alla fine dell’episodio, Re Giacomo I si deve confrontare con un’orda di mostruose donne demoniache, che alla fine convalida la sua visione del mondo. C’è una solida argomentazione per affermare che The Witchfinders avrebbe funzionato meglio come episodio storico diretto. Se l’episodio dovesse assolutamente contenere una minaccia aliena, sarebbe logico che fosse alleata con Re Giacomo I piuttosto che contro di lui. Getta il peso dell’episodio fuori crea confusione. Il risultato è un episodio che si muove goffamente, si ferma e riparte, spostando la concentrazione in diversi punti. Questa non è necessariamente una brutta cosa; gran parte dell’era Moffat è stata costruita attorno all’idea di creare una storia e quindi di fornire un commento su di essa. Tuttavia, The Witchfinders non trova mai il giusto equilibrio tra i due estremi, tra lo storico commento sociale sull’oppressione delle donne e la narrativa di invasione aliena. Questi sono due spettacoli molto diversi e Doctor Who si sforza di navigare tra di loro.

The Witchfinders è divertente, preso alle sue condizioni. Ha una grande performance da parte di Alan Cumming, uno stravagante sovvertimento della “celebrità storica” nel suo approccio al personaggio ospite, e una serie di grandi idee sui sistemi di oppressione. Presenta anche una versione più proattiva del Dottore, un benvenuto a cambiare marcia dal resto della stagione fino a questo punto. Sfortunatamente, si sforza anche di bilanciare tutto questo con le richieste di una narrativa di invasione aliena convenzionale che finisce per oscurare una serie di trame potenzialmente interessanti.The Witchfinders è funzionale, anche se la parte più frustrante è che potrebbe funzionare molto meglio.


Di seguito vi lasciamo con il trailer del nono episodio dell’undicesima stagione di Doctor Who dal titolo “It Takes You Away”:

Previous «
Next »
error: Il contenuto è protetto!