January 23, 2019
  • facebook
  • twitter
  • telegram
  • youtube
  • instagram
  • paypal
  • Homepage
  • >
  • Special
  • >
  • Doctor Who 11×10 – The Battle of Ranskoor Av Kolos | Recensione
Doctor Who

Doctor Who 11×10 – The Battle of Ranskoor Av Kolos | Recensione

  • di Peppe Mulfari
  • 10 Dicembre 2018
  • Comments Off

Con The Battle of Ranskoor Av Kolos termina l’undicesima stagione in maniera anonima. Per essere onesti, ci sono un sacco di sbagli in questo episodio fin dall’inizio. Prima di tutto, le aspettative che si porta dietro un finale di stagione. A differenza da quando Doctor Who è stato ritrasmesso per la prima volta, i finali di stagione sono un grosso problema. Fanno parte della struttura e del ritmo di una stagione televisiva in un mercato altamente competitivo. In effetti, una delle grandi innovazioni dell’era Davies è stata la comprensione di questo punto, con Russell T. Davies che ha costruito tutte le sue stagioni per concludersi in maniera spettacolare.

Ci sono un sacco di aspettative in un finale di stagione. L’episodio deve al momento esistere nel contesto di ciò che è accaduto prima e buttarsi nel futuro, soddisfare il pubblico che ha guardato ogni episodio che lo conduce e offrire una ragione convincente per tornare a guardarlo nella prossima serie. Tuttavia, The Battle of Ranskoor Av Kolos ha una serie di problemi in questo senso. Ovviamente, è solo un singolo episodio, il che significa che è formalmente indistinto dai nove episodi precedenti. Oltre a questo, deve racchiudere una moltitudine di lavoro di trama e personaggi, che deve essere “più grande” (o anche solo “più” ) rispetto al resto della stagione. The Battle of Ranskoor Av Kolos deve essere un episodio di successo nonostante sia indistinguibile da Kerblam! o The Witchfinders. Per essere onesti, The Battle of Ranskoor Av Kolos potrebbe essere in grado di farla franca se lo show avesse dato il via al finale in episodi precedenti, in modo che la storia inizi con delle premesse. Pensa al modo in cui The Long Game ha creato Bad Wolf e The Parting of the Ways, o il modo in cui Tooth and Claw o Rise of the Cybermen e Age of Steel sono stati costruiti per Army of Ghosts e Doomsday. Ci sono indubbiamente aspetti che in The Battle of Ranskoor Av Kolos che sono stati seminati all’inizio della stagione. Tim Shaw di The Woman Who Fell to Earth, il test delle armi Stenza in The Ghost Monument, e molti altri. Tuttavia, nessuno di questi è stato sviluppato con alcun senso di urgenza, né mantenuto per tutta la durata della stagione. Nessuno di loro ha un’impressione duratura. È un piccolo miracolo che nessuno dei personaggi ricordi Tim Shaw, poiché non è mai stato un cattivo avvincente in primo luogo. Il risultato è un finale di stagione che aspira a un senso di epicità che non arriva, che non ripaga mai, che non si impegna mai. È una buona cosa che le risoluzioni arrivino in poco più di tre settimane, poiché è molto difficile immaginare che The Battle of Ranskoor Av Kolos possa sostenere l’interesse del pubblico fino al ritorno della serie nel 2020. The Battle of Ranskoor Av Kolos si avvicina alla televisione contemporanea competente.

Chris Chibnall è uno scrittore che sa come strutturare una sceneggiatura. In particolare, Chibnall è uno scrittore la cui forza tende ad essere un momento propulsivo in avanti. Uno degli aspetti più sorprendenti di The Woman Who Fell to Earth è stato il frenetico ritmo della modifica, il costante salto tra personaggi e luoghi. Era una mossa ambiziosa da parte di Chibnall, progettato per mascherare la sua debolezza come scrittore di dialoghi che segue direttamente Davies e Moffat. The Battle of Ranskoor Av Kolos si sposta molto rapidamente da un’idea all’altra. Rimbalza da un concetto elevato a un altro, nella speranza che queste idee possano scorrere abbastanza velocemente da attirare l’attenzione del pubblico. Questo è un gioco di prestigio narrativo, un trucco che si basa sulla velocità dell’artista rispetto all’attenzione del pubblico. Davies e (in particolare) Moffat erano molto affezionati a questo approccio, capendo che il giusto pezzettino di battute al momento giusto poteva coprire molte delle decisioni narrative o dei balzi involuti nella logica della trama. Il punto culminante di così tanti episodi di Doctor Who si riduce a guardare un attore che parla su un set, in modo rapido e intelligente e aiuta il pubblico a trovare un eventuale buco di trama. Il grosso problema con The Battle of Ranskoor Av Kolos è forse qualcosa che ha ossessionato l’undicesima stagione dai tempi di apertura con The Woman Who Fell to Earth. Chibnall non è bravo con le parole come i suoi due predecessori, e quindi prova altri trucchi. Invece di usare il dialogo per spostare la storia e per tenerla in movimento, usa la trama. The Woman Who Fell to Earth e The Battle of Ranskoor Av Kolos sono entrambi stimolati freneticamente, passando da una battuta all’altra. La grande differenza tra The Woman Who Fell to Earth e The Battle of Ranskoor Av Kolos è che The Woman Who Fell to Earth sapeva esattamente dove si stava dirigendo. Era un episodio con uno scopo e un arco ben definiti, molto prima che Chibnall decidesse di preoccuparsi di qualcosa come trama o racconto. Il primo episodio dovette presentare il tredicesimo dottore, reintrodurre lo spettacolo, riunire i compagni e lanciare la serie. Al contrario, non è mai chiaro dove sta andando The Battle of Ranskoor Av Kolos .

Chibnall semina ripetutamente e consapevolmente la storia con misteri e ami, sperando che il pubblico si faccia domande insieme al Dottore, impegnandosi con la narrativa che si sta svolgendo. Questa è una tecnica che Chibnall ha utilizzato più volte durante il suo mandato, in particolare in The Woman Who Fell to Earth e The Ghost Monument. Pensa a quanti battiti all’interno di The Battle of Ranskoor Av Kolos dipendono da domande senza risposta. Il problema con questo approccio è ovvio. Queste domande sono davvero importanti per un pubblico se le risposte sono interessanti. Nella maggior parte dei casi, ciò significa ripagare l’impostazione precedente. La decisione di evitare il riutilizzo di mostri classici nell’undicesima stagione è stata buona, ma il ritorno dei mostri è un esempio illustrativo molto efficace. In Army of Ghosts, la trama è guidata da due domande:  “Chi sono i fantasmi?” e  “cosa c’è nella sfera?” Davies capì che le risposte dovevano avere peso, quindi sono  “i Cybermen” e  “i Dalek”. ” È possibile estrarre questo trucco senza un mostro ricorrente. Moffat ha passato molto tempo a stuzzicare il pubblico con i dettagli di River Song. Viene rapidamente rivelato che è in prigione, quindi la domanda diventa “di che cosa è colpevole?” E la risposta è “omicidio”. Questo diventa un trampolino per la domanda “chi ha ucciso?” E la risposta è “il Dottore”. Certo, è un cliché avere tutte le risposte legate alla mitologia dello show, ma dimostra che le risposte a queste domande sono importanti come le domande. Al contrario, The Battle of Ranskoor Av Kolos trattiene goffamente e ripetutamente le informazioni di trama sulla premessa che le informazioni siano meglio fornite come una domanda seguita da una risposta dieci minuti dopo. 

L’episodio ha due problemi centrali. Il primo mette indebita pressione sulle risposte; fare in modo che il pubblico attenda che le risposte implichino che dovrebbero essere “degne” in termini narrativi. La maggior parte delle risposte in The Battle of Ranskoor Av Kolos non lo sono. Secondariamente, è uno stratagemma molto cinico per estendere la trama dell’episodio. E’ un po’ deludente che la grande idea nel cuore di The Battle of Ranskoor Av Kolos sia essenzialmente una ricostruzione meno creativa della premessa iniziale di Stolen Earth e Journey’s End . È un peccato che non ci sia nulla di audace o ridicolo di quell’immagine che si trova in The Battle of Ranskoor Av Kolos. The Battle of Ranskoor Av Kolos è un casino. È un falò spettacolare. È orribilmente mal giudicato, ma in modi che si adattano perfettamente alla stagione che lo circonda. E’ una delusione, in particolare sapendo che nel 2020 ci sarà la prossima stagione.


L’ultimo appuntamento con Doctor Who per questa stagione è il prossimo 1 Gennaio 2019 con lo Speciale di Nat…Capodanno, intitolato “Resolution” che metterà, per la prima volta, il Tredicesimo Dottore faccia a faccia con i Dalek. Di seguito potete visionare il trailer della puntata Speciale:

Previous «
Next »