May 27, 2019
  • facebook
  • twitter
  • telegram
  • youtube
  • instagram
  • paypal
  • Homepage
  • >
  • Special
  • >
  • Dosei Mansion #1 di Hisae Iwaoka – Lavavetri nello spazio | Recensione
Dosei Mansion

Dosei Mansion #1 di Hisae Iwaoka – Lavavetri nello spazio | Recensione

BAO Publishing inaugura Aiken, la sua nuova collana dedicata al manga, con il primo volume Dosei Mansion di Hisae Iwaoka in uscita l’8 maggio. Questa autrice non era mai stata pubblicata prima in Italia e di suo leggeremo anche “Fiori di biscotto”, una raccolta di storie brevi, dal 23 maggio in libreria. 

Ho ricevuto la chiamata quando era già scesa la notte. Tutto ciò che rimaneva di lui era una corda spezzata.

In “Dosei Masion” ci troviamo in un lontano futuro in cui l’umanità ha abbandonato la Terra, diventata una riserva naturale protetta, trasferendosi su una stazione spaziale che orbita attorno al pianeta. Mitsu è un ragazzo che si è appena diplomato e che inizia a lavorare come lavavetri. Si tratta di un lavoro umile e per certi versi pericoloso ma Mitsu è determinato a proseguire il lavoro del padre, scomparso anni prima proprio mentre svolgeva un incarico.

Il lavoro di un lavavetri consiste nel pulire i vetri delle finestre esterne a 35.000 metri di altezza dalla superficie terrestre. Questo permette al ragazzo di osservare la stazione da un altro punto di vista e di entrare in contatto con le vite di diverse persone. La società su questa stazione è suddivisa in livelli a seconda dello stato sociale: ai piani alti alloggiano i più benestanti mentre ai piani inferiori quelli più umili, come Mitsu. L’attrezzatura necessaria per lavorare nell’ambiente esterno è molto costosa per questo le commissioni arrivano quasi esclusivamente da persone altolocate del livello superiore.

Se aveva deciso di farla finita, allora forse aveva volontariamente scelto di scendere sulla Terra, no? Abbandonando me e tutto il resto.

Rimasto orfano in giovane età, il ragazzo ha sempre dovuto badare a se stesso senza lasciarsi scoraggiare dalle difficoltà, anche sul lavoro nonostante sia a volte un po’ distratto e ingenuo. Questa nuova “avventura” gli consente di rivivere i momenti passati con il padre e scoprire qualcosa in più su di lui dai colleghi di lavoro. In un certo senso è come se onorasse la sua memoria portando avanti il suo mestiere ma rischia anche di vivere all’ombra del suo passato.

Penso che un giorno mi piacerebbe cercare il luogo in cui mio padre voleva atterrare.

“Dosei Mansion” è un sci-fi che non si limita a mostrarci un possibile futuro, con tutte le nuove tecnologie del caso, ma coglie l’occasione per affrontare temi sociali importanti e attuali come la difficoltà di integrazione e accettazione. All’azione Iwaoka preferisce un’indagine più intima nella vita dei suoi personaggi dal signor Jin, ormai un lavavetrinavigato, al bizzarro signor Tanuki, il re dei prodotti dell’acquacoltura. L’autrice utilizza un tratto ben riconoscibile: le teste dei personaggi sono molto grandi e tonde mentre gli occhi piccoli. I volti sono abbastanza scarni ma espressivi nei momenti giusti.

Questo non è un lavoro per cui valga la pena morire. Anche se sei pronto a rischiare la tua vita, non arrenderti.

L’opera di Iwaoka si discosta abbastanza dai manga mainstream non solo per i disegni ma soprattutto per il modo in cui l’autrice ha scelto di narrare questa storia. Nonostante sia solo il primo volume di sette promette molto bene. L’unione di sci-fi e racconto di formazione rende questo manga imperdibile! L’8 maggio uscirà il primo volume per BAO Publishing al prezzo di €7,90 mentre l’uscita del secondo è prevista per luglio.

Dosei Mansion di Hisae Iwaoka

Un delicato manga ambientato in un possibile futuro che sfrutta questa ambientazione per trattare temi attuali come la difficoltà di integrazione nella società. Caldamente consigliato!
8
Imperdibile
Previous «
Next »