January 24, 2019
  • facebook
  • twitter
  • telegram
  • youtube
  • instagram
  • paypal
fumetti

I 25 Migliori Fumetti del 2018 | Speciale

  • di Redazione
  • 30 Dicembre 2018
  • Comments Off

Il Giovane Yoshio

Edito da Canicola

Seconda forse solo alla grande riscoperta dei classici di Tezuka, quella di Yoshiharu Tsuge è forse uno dei recuperi più affascinanti del fumetto alternativo giapponese. Testimone e protagonista della nascita di un manga meno disincantato e più attento al reale, Il giovane Yoshio, proprio come era stato l’uomo senza talento, ci racconta di vite ai margini di una società complessa come quella giapponese. Dall’impronta fortemente autobiografica, la ‘normalità’ della vita Yoshiharu si articola in 6 racconti in cui il senso di smarrimento è pregnante. Questo però non scade mai nell’autocommiserazione ma riesce a mantenere un distacco stoico, simbolico anche della grandezza dello stesso Tsuge nel saper imbrigliare in poche vignette un momento storico di grande difficoltà per il Giappone. Un autore fondamentale per immergersi nella nascita del Gekiga che proprio come l’anno scorso (con L’uomo senza talento) sarebbe impossibile tenere al di fuori di questa top 25.

Joe Shuster

Joe Shuster

Edito da Bao Publishing

Lo scrittore Julian Voloj ha studiato approfonditamente la vita di Joe Shuster. Durante la realizzazione di questo volume lo scrittore ha parlato con una folta schiera di grandi fumettisti, ognuno dei quali ha avuto la propria dose di problemi con le grandi case editrici. La storia, dal taglio documentaristico, è raccontata dal punto di vista di Shuster ma non manca di espedienti narrativi interessanti che rompono la quarta parete o che, più semplicemente, mettono da parte le parole, lasciando parlare il comparto grafico. Le tavole di Thomas Campi conciliano il design grafico dei fumetti pulp che hanno ispirato Siegel e Shuster ad una magnifica colorazione acquerellata. Lo stile rétro della dalla colorazione volutamente sbiadita, trasforma ogni pagina nella fotografia di un’epoca passata, creando un effetto davvero piacevole e rilassante che rende la lettura molto scorrevole. Inoltre, Campi fa largo uso di elementi che citano altri stili di disegno, utilizzandoli per i più svariati scopi: come il mostrare le varie sfaccettature dei due autori o il riportare fedelmente lo stile delle riviste dell’epoca allo scopo di far immedesimare al meglio il lettore con la storia. Dopo aver letto Joe Shuster – La storia degli uomini che crearono Superman forse, riflettendo sulle origini di Kal-El, non penserete più a Krypton ma a Cleveland.

Potrebbe interessarti anche: Joe Shuster – La storia degli uomini che crearono Superman | Recensione

La Saga di Grimr

Edito da Tunué

L’Islanda è la terra del ghiaccio e del fuoco, ma anche di miti e leggende. Gli skaldi che la popolavano erano soliti raccontare di villaggio in villaggio saghe di eroi e mostri attorno al falò. Jeremie Moreau, giovanissimo fumettista francese, ci porta proprio in queste atmosfere, raccontandoci la storia di Grimr, un giovane orfano, venuto dal nulla, ma posseduto da una forte volontà di riscattarsi e di scrivere il proprio nome nella leggenda. Si tratta di una vera e propria ode all’Islanda e ai suoi abitanti, uomini temprati dalla stessa terra che li ha generati, legati alle proprie tradizioni. Grimr stesso è diviso esattamente come la propria terra, freddo e gelido nei suoi gesti, finchè il suo cuore incandescente non esplode. Firmandosi come autore completo, Moreau regala delle tavole a dir poco mozzafiato, facendo letteralmente esplodere le pagine quando si ritrova a ritrarre i paesaggi di questa isola, letale ed ospitale in egual misura.

Potrebbe interessarti anche: La Saga di Grimr di Jeremie Moreau | Recensione

March

Edito da Mondadori Oscar Ink

March realizzato da John Lewis, Andrew Aydin e Nate Powell, è una storia di una battaglia che si è dispersa per decenni attraverso gli stati uniti, la ricerca di un riconoscimento, di una conclusione alla discriminazione razziale, che eppure si è raggiunta sulla carta, ancora fatica a trovare spazio negli animi delle persone. John Lewis è stato uno dei più importanti leader per i diritti civili negli stati uniti, ha partecipato a tutti i principali step di questa rivoluzione, ha conosciuto il Dr King e anche altri esponenti della lotta alla realizzazione di tutti i neri o non bianchi che vivono negli stati uniti. Attraverso March vediamo dalla prima infanzia di Lewis, la marcia su Washington di Martin Luther King, dove Lewis era uno dei 6 speaker e tutti i difficili passaggi di tale vita da attivista politico fino al suo arrivo in politica nel 1986 come senatore degli stati uniti. Si è sempre cercato di raccontare un momento così difficile della storia Americana ma non senza qualche libertà, March invece non ne fa uso, è diretto, schietto, vero e non cerca di impietosire il lettore quanto di renderlo consapevole della battaglia e dei sacrifici che essa ha richiesto.

Mercurio Loi

Edito da Sergio Bonelli Editore

Mercurio Loi è stato presentato in un numero di Le Storie, serie antologica di Bonelli, che vedeva questo stranissimo investigatore muoversi nella Roma di molto tempo addietro, un incrocio tra il più noto detective della letteratura anglosassone, Sherlock Holmes e il tipico eroe Bonelliano, in qualche modo prendendosene gioco, ma senza essere palese o irritante, ma incredibilmente divertente. Non riuscire ad inquadrare Mercurio Loi è in questo caso un pregio, quando abbiamo sempre di più di fronte prodotti che anche se tentano di essere nuovi, non lo sono (ad esempio Morgan Lost). Da una parte la semplicità superficiale della serie nasconde ben altro, infatti, mentre Loi scompone un caso per affrontare la vita e gli elementi che non riesce a comprendere di essa, noi comprendiamo lui e il suo mondo. Le indagini sono dunque solo un mezzo attraverso cui conosciamo i personaggi e il loro mondo, così anacronistico per l’epoca che certamente saprà divertire e intrattenere lettori più o meno navigati. Mercurio Loi non è il tipico eroe Bonelli e lo capirete subito dalle prime pagine.


Scopri anche le altre nostre classifiche di fine anno:

Pages: 1 2 3 4 5 6 7
Previous «
Next »