February 22, 2018
  • facebook
  • twitter
  • youtube
  • instagram
  • Homepage
  • >
  • Special
  • >
  • Il Dylan Dog di Tiziano Sclavi, il papà dell’incubo

Il Dylan Dog di Tiziano Sclavi, il papà dell’incubo

  • da Nicolò Beretta
  • 12 maggio 2017
  • Comments Off

Negli ultimi anni Dylan Dog è stato protagonista di una serie di sconvolgimenti che hanno cambiato radicalmente la vita dell’Indagatore dell’Incubo, in primis l’addio dell’ispettore Bloch che finalmente è riuscito ad avere la sua tanto agoniata pensione e che quindi non potrà più aiutare in maniera concreta Dylan nelle sue indagini. Ma i cambiamenti non riguardano solo il “contenuto” delle storie di Dylan, visto che anche dal punto di vista editoriale la Sergio Bonelli ha voluto cambiare le carte in tavola: il curatore della testata è ora Roberto Recchioni, Angelo Stano ha lasciato recentemente il posto di copertinista a Gigi Cavenago, e tutti i fans del “vecchio” Dylan possono continuare a leggerne le storie sulla testata quadrimestrale Old Boy (l’ex Maxi Dylan Dog).

dylan dogLa più recente inziativa dedicata a Dylan è la collana Il Dylan Dog di Tiziano Sclavi, testata da edicola proposta come una delle novità introdotte in occasione dei 30 anni del personaggio e che, come da nome, riproporrà a partire dal 3 Maggio 2017 le storie scritte dal padre di Dylan Tiziano Sclavi; come prime uscite sono state scelte Attraverso lo Specchio, Golconda (disponibile in anteprima al Comicon di Napoli 2017, e ufficialmente da Giugno) e Johnny Freak (disponibile da Luglio).

 

Attraverso lo Specchio, decimo albo della allora poco uscita nuova serie a fumetti su un certo detective londinese, uscì nel Luglio del 1987, anno in cui il suo sceneggiatore Tiziano Sclavi e l’editore capo della casa che lo stampava, il signor Sergio Bonelli, stavano proprio meditando la sua chiusura visto lo scarso successo che questa stava riscuotendo. Ci volle molto poco perchè Dylan Dog facesse breccia nei cuori dei giovani lettori e si conquistò il successo e la fama che lo hanno portato a diventare un vero e proprio emblema del fumetto italiano anche nel resto del mondo.

In un momento di rivoluzione sia contenutistica sia editoriale, rispolverare le storie che hanno consacrato Dylan Dog al successo è un’ottima mossa della Bonelli: i nuovi lettori possono scoprire le “origini” del personaggio, o addirittura scoprirlo per la prima volta, mentre i lettori più affezionati o di lunga data avranno modo di recuperare i loro albi preferiti in una nuova edizione. Parlando di edizione, bisogna fare un grande plauso all’editore italiano perchè per questa testata è stato fatto un lavoro molto attento e curato; gli albi saranno proposti in edicola in formato cartonato, con le pagine di Gianpiero Casertano colorate per l’occasione e stampate su carta leggermente ingiallita che da uno splendido effetto vintage alla collana. Il tutto, contestualizzato e arricchito da dei paragrafi redazionali curati, almeno in questo primo albo, da Roberto Recchioni e da Marco Nucci. Le copertine sono state re immaginate dal copertinista ormai ufficiale dell’Indagatore, Gigi Cavenago. Il prezzo di 4,90 euro è davvero competitivo per l’edizione di cui stiamo parlando, tenendo sopratutto conto che è destinata al pubblico delle edicole.

Insomma, vale davvero la pena scoprire o riscoprire i classici di Dylan Dog in questa edizione di pregio e molto curata!

Precedente «
Successiva »

Podcast