August 19, 2019
  • facebook
  • twitter
  • telegram
  • youtube
  • instagram
  • paypal
  • Homepage
  • >
  • News
  • >
  • Incendio doloso agli studi della Kyoto Animation: “Almeno 24 vittime del rogo”

Incendio doloso agli studi della Kyoto Animation: “Almeno 24 vittime del rogo”

  • di Mirko Migliore
  • 18 Luglio 2019
  • Comments Off
Kyoto Animation

Stamattina è scoppiato un incendio di tipo doloso appiccato all’interno degli studi di produzione della Kyoto Animation, una delle case di produzioni di anime più famose al mondo. Secondo i vigili del fuoco, il numero di vittime ammonta a 24, ma sarebbero numerosi i feriti e i dispersi.

Un’esplosione proveniente dagli studios è stata udita in tutto il quartiere alle 10.30 di mattina di giovedì. Secondo la polizia locale, un uomo sulla quarantina è stato visto spargere e accendere un liquido simile a benzina nell’edificio principale, dove si svolge la maggior parte della produzione principale della Kyoto Animation, urlando frasi d’odio verso lo studio. Secondo il giornale di Mainichi Shinbun riporta che l’uomo ha ammesso di aver appiccato il fuoco all’interno della struttura.

Kyoto Animation, comunemente nota come KyoAni, fu fondata da Yoko e Hideaki Hatta nel 1981 nella prefettura di Uji, appena fuori dalla città di Kyoto. KyoAni ha sviluppato una reputazione per l’animazione di alta qualità con uno stile visivo distintivo ed è considerato uno dei luoghi più ospitali per lavorare nel settore dell’animazione giapponese. A differenza della maggior parte degli altri studi, KyoAni assume gli animatori come impiegati retribuiti che quindi non vengono pagati per numero di frame. Lo studio è noto per alcune perle dell’animazione giapponese, come K-On!, La malinconia di Haruhi Suzumiya, La forma della voce e Violet Evergarden, arrivato recentemente su Netflix.

Il primo ministro del Giappone Shinzo Abe ha commentato l’incendio in un tweet: “Terrificante, sono senza parole. Prego per le anime delle vittime. Desidero esprimere le mie condoglianze a tutti i feriti e augurare loro una pronta guarigione”.

Fonte: The Verge

Previous «
Next »
error: Il contenuto è protetto!