April 22, 2018
  • facebook
  • twitter
  • youtube
  • instagram
  • Homepage
  • >
  • Special
  • >
  • “Qualcosa era successo”, secondo capitolo de Il Cuore della Città

“Qualcosa era successo”, secondo capitolo de Il Cuore della Città

  • da sanofrank
  • 4 marzo 2017
  • Comments Off

Dopo un mese di attesa siamo pronti per riprendere il nostro viaggio verso “Il Cuore della Città“. Finalmente è uscito sul portarle online Wilder, “Qualcosa era successo“, secondo capitolo di tre della serie a fumetti scritta da Francesco Savino (Vivi & Vegeta) e disegnata da Giulio Rincione (Paperi, Paranoiae).

qualcosa era successo cuore della città

Una fuga, per motivi ancora ignoti, ha portato il nostro protagonista a trasferirsi in una nuova città. Questa lo attendeva, lo bramava, elevandolo a prescelto per porre fine ad una duale lotta tra bene e male. Da una parte il Sindacato, comitato composto dai reietti della città, e dall’altra la Donna degli Insetti, materializzazione malvagia della città stessa. In un vanotentativo di fermare tutto ciò, la mostruosa creatura, dimostra la sua supremazia scomponendo in tante piccole particelle colui che sarebbe dovuto essere il salvatore.

qualcosa era successo cuore della cittàIn questo secondo capitolo, lo ritroviamo solo nel bel mezzo di una piazza, incosciente e circondato da un paesaggio urbano, simile a quello precedente, ma “vivo”. Le sottili linee bianche che mostravano la natura deforme della città, si sono manifestati in tutta la loro interezza. I palazzi hanno volti composti da finestre e porte, la forma dei lampioni ricorda quella di un albero spoglio e le macchine si trasformano in enormi robottoni assetati di sangue. Non siamo al sicuro. Dietro ogni angolo si nasconde un pericolo. Lo stress da metropoli, La frenesia dei lavoratori ed il delirio da discoteca metteranno alla prova il nostro eroe. Il cammino del prescelto giunge così ad un punto di svolta. Ora sta a lui decidere se sarà pronto ad affrontare la città o se vorrà , un’altra volta, scappare da essa.

qualcosa era successo il cuore della cittàIl Cuore della Città è un fumetto intimo. Ci racconta una storia dai toni surreali che più reale non può essere. Vuol farci credere che vada oltre l’essere umano, quando in realtà parla proprio di noi. Parla dei nostri problemi, delle nostre paure più grandi, delle nostre insicurezze. Esatto, insicurezze. Non è semplice liberarsi da questo peso, mettersi in gioco può portare a tanto dolore come a tanta gioia. Troppo rischioso, meglio scappare, come fa il nostro uomo. Fuggire non appena le cose diventano serie con la ragazza, fuggire proprio quando iniziavano i primi concerti con la band, fuggire dalla propria famiglia troppo opprimente, fuggire. Ma ne vale veramente la pena? Allontanare dalla propria vita gli affetti più cari, le persone che ti vogliono veramente bene e credono in te, finendo per renderti conto che la persona da cui ti stai allontanando sei proprio tu. La tua personalità , le tue emozioni, le tue passioni, vengono represse per paura di sbagliare. solo perché pensi di non valere abbastanza. Magari è vero, ma che costa provare?Shyness is nice, and shyness can stop you from doing all the things in life you’d like to” cantava un saggio uomo inglese alla fine degli anni ottanta. Ecco, ora sei pronto. Avanti prescelto, è il momento di salvare se stesso.

Savino ti carica di emozioni, pensieri e dubbi. Impossibile non riconoscersi almeno un po’ nelle vicende e negli atteggiamenti del protagonista. Probabilmente la forte scarica emotiva che ti lascia questo numero, viene dalla passione con cui è stato realizzato dagli autori stessi. Nella creazione di un’ opera bisogna, a mio modesto parere, mettere sempre anche una piccola parte di se, credo che qui Savino ci abbia messo tutto. Rincione ormai è una garanzia. Uno dei migliori disegnatori italiani in circolazione capace di passare, in un solo numero, da omaggi a Klimt (Il bacio) ed a Gli Aristogatti (avvocato George). I testi intimi di Savino e le tavole suggestive di Rincione, sono una combo a cui non si può resistere.

Se volete piangere un po’ anche voi, cliccate qui. Non ci resta altro che attendere un altro lungo mese per il gran finale.


Terminano così le uscite, per il mese di febbraio, di Wilder. Vi terremo aggiornati come sempre per le novità di marzo.

Nel caso vi foste persi i precedenti numeri delle serie Wilder, potete cliccare sui link che seguono per leggerli tutto d’un fiato e scoprire, se vi interessa, quello che ne pensiamo:

Precedente «
Successiva »

Podcast