October 20, 2018
  • facebook
  • twitter
  • youtube
  • instagram

[Recensione] Emoji – Accendi le Emozioni

  • da Lorenzo Ladogana
  • 3 ottobre 2017
  • Comments Off

Emoji – Accendi le Emozioni (The Emoji Movie) è un film d’animazione in computer grafica diretto da Tony Leondis, che vede nel suo cast T.J. Miller, James Corden, Anna Faris, Maya Rudolph, Jennifer Coolidge, Sofía Vergara, Sean Hayes e la partecipazione straordinaria di Christina Aguilera e Sir Patrick Stewart.

La storia è ambientata a Messaggiopoli, una comunità virtuale di Emoji che si trova all’interno dello smartphone di un ignaro ragazzo, Alex (Jake T. Austin). Tutte le Emoji di Messaggiopoli sono dotate di una singola espressione facciale, che devono trasmettere tramite scansioni nei messaggi di Alex quando richiesto. Il protagonista delle vicende è  Gene (T.J. Miller) , un Emoji “Bah” nato con un difetto di programmazione, che gli permette di esprimere più della sua semplice “espressione” designata. Osteggiato dai suoi concittadini e persino dalla sua stessa famiglia, i veri guai di Gene inizieranno proprio con un errore durante il suo primo giorno di lavoro nella App, che lo porteranno a fare nei messaggi di Alex la “faccia sbagliata”, dando il via ad una situazione incredibilmente imbarazzante sia per il proprietario dello smartphone, che per l’intera comunità di Emoji.  Inseguito dalla maligna Smiley (Sofia Vergara), la più influente delle Emoji, Gene partirà per un viaggio per lo smartphone  assieme ad altri “outsiders”, l’ex-Emoji “preferita” Hi-5 (James Corden) e la misteriosa Emoji Hacker Jailbreak (Anna Faris), 

La mia curiosità nel vedere questo film era grande. Non di certo per il valore artistico del film in sé, sia chiaro: ero curioso principalmente per il risalto mediatico a cui è stato sottoposto dopo il debole risultato al Box Office e il clamoroso insuccesso di pubblico e critica, accolto all’uscita con una percentuale del’1% su Rotten Tomatoes (lievitata flebilmente al 10% dopo un po’ di mesi).
Le reazioni disgustate, stanche ed irritate del pubblico americano stavano forse a significare che noi italiani, a due mesi di distanza, ci saremmo forse trovati al più grande disastro dell’animazione di tutti i tempi?

Risposta in breve: no. Però un po’ sì.

Emoji- Accendi le Emozioni non è, dal punto di vista meramente tecnico, un brutto film.  Non ci troviamo di fronte ad abomini come Il viaggio di Norm, l’oscena produzione animata di Rob Schneider dello scorso anno, o dell’ormai leggendario Foodfight!  Il film ha comunque un budget di circa 50 milioni di dollari, e la Sony Pictures Entertainment è una compagnia ben navigata che comunque ha saputo e sa creare opere di buona fattura. Il film è assolutamente pregevole visivamente, ma totalmente privo di originalità e di idee.

Precedente «
Successiva »