December 19, 2018
  • facebook
  • twitter
  • telegram
  • youtube
  • instagram
  • paypal
  • Homepage
  • >
  • Special
  • >
  • [Recensione] Jughead Volume 1 – L'eroe di cui Riverdale ha bisogno

[Recensione] Jughead Volume 1 – L'eroe di cui Riverdale ha bisogno

  • di Luca Vania Tulumello
  • 4 Luglio 2018
  • Comments Off
Jughead

Nel 2015 Archie Comics decide di rilanciare la sua testata di punta, Archie appunto, affidando il progetto a Mark Waid e Fiona Staples. Il rilancio andò alla grande e sarebbe stata solo questione di tempo prima che anche gli altri studenti della Riverdale High avrebbero ricevuto lo stesso trattamento. E quale personaggio aveva più necessità di esprimersi in una testata tutta sua sennonché l’eccentrico Jughead Jones? La testata, vincitrice anche di un Eisner Award, viene affidata all’altrettanto eccentrico fumettista e sceneggiatore Chip Zdarsky e il risultato di questa accoppiata è a nostro avviso assolutamente riuscito!
Pigro all’inverosimile, terrore degli Hamurger, degli Hotdog e dei frullati, accanito videogiocatore e studente sempre attento alle regole -che però segue alla sua unica maniera, Forsythe Pendleton Jones III, per gli amici più semplicemente solo Jughead è lo storico migliore amico di Archie Andrews, nonché l’eroe di cui Riverdale ha veramente bisogno.
Jughead Volume 1, edito in Italia da Edizioni BD raccoglie in un formato pressoché identico alla versione USA i primi sei capitoli della testata originale dedicata al personaggio, scritta da Chip Zdarsky e disegnata da Erica Henderson. La storia è molto semplice e ci racconta di un Jughead assolutamente pigro e svogliato, poco interessato a quelle che lui ritiene le battaglie troppo grandi da combattere, almeno fino a quando l’arrivo alla Riverdale High di un nuovo e terribile Preside non costringerà il nostro protagonista ad assumere i panni dell’eroe da cui tanto cerca di prendere le distanze solitamente. Tra battaglie politiche per il ritorno gli Hamburger nella mensa scolastica, divertenti battute, ore e ore di punizione, e tanti sogni ad occhi aperti, Jughead volume 1 è un fumetto divertente e comico che nasconde però un’animo avventuroso e pieno d’azione, scritto con sapienza e attenzione, che parla si di un personaggio di fantasia, ma che in realtà vuole parlare ai lettori più simili al nostro Jughead per fargli capire che forse ogni tanto, gli eroi possono essere loro.
La forza del fumetto sta nella capacità di Zdarsky di entrare nella testa di Jughead e saperla raccontare al lettore. Da personaggio tutto sommato piatto e macchettistico, Jughead diventa, nelle mani dello scrittore canadese, un personaggio assolutamente tridimensionale, vero e reale più che mai. Jughead ha una sua psicologia ben definita e a seguito della lettura del volume il lettore sarà perfettamente in grado di immaginare se e cosa direbbe o farebbe quel Jughead in ogni occasione, vista la grande capacità narrativa dell’autore.
Il lato prettamente grafico dell’opera, e dunque quello dei disegni e dei colori è affidato a Erica Henderson (disegnatrice di Squirrel Girl) e Andre Szymanowicz (capitoli 5-6). Nulla di assolutamente straordinario da questo punto di vista, ma la Henderson è una scelta azzeccata per le atmosfere che il fumetto emana e la sua Riverdale è una cittadina tranquilla e coloratissima nel più tradizionale dei luoghi comuni americani, ma che si trasforma in una città cupa e pericolosissima agli occhi del protagonista, che navigando con la fantasia arriva a immaginare in quella stessa cittadina viaggi nel tempo, orde di pirati e battaglie tra supereroi.
Il tratto spigoloso e asciutto della disegnatrice americana, insieme a colori piatti e molto forti è ciò che meglio si sposa con quanto già racontato in precedenza e rende la lettura del volume piacevole agli occhi. Una nota di merito va anche alla Edizioni BD che ha curato l’edizione italiana dell’opera, portando sugli scaffali delle fumetterie e degli store online un volume identico a quello Americano, con un ottimo adattamento, dal prezzo contenuto e dalla qualità dei materiali decisamente alta.
In definitiva Jughead Volume 1 è una lettura divertente e spensierata, che strizza l’occhio a tutta la cultura pop che circonda i protagonisti e il lettore per raccontare meglio i primi e rivolgersi meglio ai secondi.


Potrebbe interessarti anche:

Previous «
Next »