August 14, 2018
  • facebook
  • twitter
  • youtube
  • instagram
  • Homepage
  • >
  • Special
  • >
  • [Recensione] Violeta – Corazon Maldido di Virginia Tonfoni e Alessio Spataro

[Recensione] Violeta – Corazon Maldido di Virginia Tonfoni e Alessio Spataro

  • da Alessio Vissani
  • 30 novembre 2017
  • Comments Off

Una graphic novel biografica, una graphic novel che racconti una storia d’arte ma soprattutto di una cultura troppo spesso dimenticata e messa in sordina dalle innumerevoli realtà internazionali. La Bao Publishing sbarca con una nuovissima storia Violeta – Corazon Maldido, magistralmente illustrata da Alessio Spataro (alla sua seconda graphic novel dopo il successo Biliardino) che insieme alla giornalista Virginia Tonfoni ai testi riporta sotto i riflettori una protagonista rivoluzionaria del secolo scorso: la grande musicista Violeta Parra.

Il 4 ottobre 2017 ricorreva il centenario di questa particolare artista e la Bao Publishing ha pensato bene di ripercorrere la vita della poetessa cilena in una speciale edizione brossurata con delle tavole realizzate in una splendida bicromia nero/arancione. La vita di Parra è stata una vita di dolorosa intensità, consacrata all’arte e all’amore e la graphic è stata raccontata con estrema passione, emanata da ogni pagina, dalla giornalista Tonfoni. La storia è divisa in capitoli e il passaggio è determinato da alcune tavole più cariche di colore ma soprattutto una citazione diversa delle canzone di Violeta, lasciate volutamente in lingua originale, ma tradotte a fine volume. Per chi non conoscesse la controversa storia di Violeta i disegni di Spataro e i l’accuratezza storica della giornalista Tonfoni, rendono la graphic novel un vero e proprio mezzo di comunicazione adatto a tutte le generazioni, dopo questa bio-storia tutti si ricorderanno di Violeta per sua musica, ma anche per le sue poesie ma anche per i suoi dipinti, tra l’altro esposti anche al museo del Louvre. Tra sogni onirici, realtà più o meno dure “Violeta Corazon Maldido” scorre via veloce senza mai annoiare il lettore, soprattutto dato anche dagli intervalli delle canzoni della stessa Violeta.

La grandezza del personaggio si percepisce dalle prime tavole ma soprattutto l’opera riesce ad indagare sulla vita della persona più che del personaggio, dopo la lettura di Violeta Corazon Maldido si ha la sensazione di non aver letto soltanto una biografia, ma di aver ascoltato un racconto in prima persona. Chiaramente tutti gli aspetti di Violeta escono fuori dalle tavole, mai banali e con uno schema a volte classico e a volte più dinamico, come la Violeta tessitrice, poetessa, pittrice ma anche e soprattutto madre con la voglia ancora di portare la musica in giro per le strade ma con la consapevolezza di avere diverse responsabilità rispetto a quando fosse giovane.

Il finale della storia, in un crescendo di tavole avvolte nel silenzio, ti lasciano la voglia di riprendere enciclopedie e album musicali che raccontino ancora di questa grande donna. La Bao riesce ad avvicinare tutti i lettori ad una storia molto profonda, con estrema professionalità e originalità per quanto riguarda i disegni realizzati: l’operazione biografica è riuscita appieno!

Precedente «
Successiva »

Podcast