February 20, 2019
  • facebook
  • twitter
  • telegram
  • youtube
  • instagram
  • paypal
  • Homepage
  • >
  • Serie TV
  • >
  • Sam Lloyd ha un tumore al cervello, avviata una raccolta fondi in favore dell’attore di Scrubs

Sam Lloyd ha un tumore al cervello, avviata una raccolta fondi in favore dell’attore di Scrubs

  • di Andrea Barone
  • 8 Febbraio 2019
  • Comments Off
Sam Lloyd

Poco tempo fa è stata resa pubblica la vicenda di Sam Lloyd, il Ted Buckland di Scrubs, colpito da un tumore al cervello.

L’attore, a cui è stato diagnosticato il cancro a gennaio, è stato protagonista della serie anche insieme alla propria band, The Blanks, conosciuta nella serie tv con il nome di The Wortless Peons.

Poche settimane fa Lloyd è stato operato, ma lo stato della malattia è talmente avanzato che non è stato possibile rimuovere totalmente la massa tumorale.

A seguito della vicenda, è stata aperta una pagina su GoFundMe dove sono stati rilasciati aggiornamenti sulla situazione dell’attore:

“Purtroppo, il tumore è troppo avanzato e il chirurgo non ha potuto rimuoverlo. Da esami successivi, Sam e la sua famiglia sono stati informati che sono presenti  metastasi  nei polmoni ed in altri organi.”

La raccolta fondi su GoFundMe punta ad aiutare la famiglia di Sam Lloyd durante il calvario della malattia, ma soprattutto a garantire un aiuto al figlio, nato recentemente, della coppia.

A seguito della notizia, i membri del cast di Scrubs, tra i quali Zach Braff e Kate Micucci, si sono prodigati per supportare la causa del collega tramite i social network. Di seguito vi riportiamo alcuni dei tweet pubblicati dai colleghi di Sam Lloyd:

 

“Sam è, molto semplicemente, un’anima generosa e gentile. Con la sua musica, e con le sue performance da attore, ha rso la nostra vita migliore. Per tutta la vita Sam ha perfezionato la delicata arte dell’amicizia, e molti di questi amici hanno deciso di aiutare in questo momento tragico, dando ogni genere di supporto soprattutto alla famiglia.”

Per chiunque volesse seguire la vicenda ed eventualmente contribuire alla raccolta fondi, può trovare tutte le informazioni sulla pagina  GoFundMe dedicata.

Fonte: NME

Previous «
Next »