August 17, 2018
  • facebook
  • twitter
  • youtube
  • instagram
  • Homepage
  • >
  • Special
  • >
  • Stefano Antonucci presenta “Il Piccolo Fuhrer” da Antani Comics

Stefano Antonucci presenta “Il Piccolo Fuhrer” da Antani Comics

  • da Leonardo Cardini
  • 30 settembre 2017
  • Comments Off

Nel pomeriggio di ieri, 29 settembre, si è tenuta da Antani Comics – La libreria del fumetto, grazie al bene placito del titolare Francesco Settembre, la presentazione in anteprima nazionale de “Il Piccolo Fuhrer”, il nuovo libro illustrato della premiata ditta Daniele Fabbri & Stefano Antonucci edito da Shockdom.

Proprio quest’ultimo, presente in negozio, ha mostrato, con ironica serietà, ai lettori e ai curiosi la sua ultima fatica, nata quasi per scherzo dalle pagine del loro recentissimo successo “QVANDO C’ERA LVI”, intrattenendo il pubblico con sketch, dediche e grandissima simpatia.

Segue intervista semiseria a Stefano Antonucci, che illustra la genesi ed il maestoso lavoro filologico dell’opera:

Allora Stefano, come nasce “Il Piccolo Fuhrer”?

Nel ’33 Hitler scrisse ed illustrò un libro per ragazzi, per fare propaganda nei gruppi giovanili, e, sotto consiglio di Goebbels lo chiamo “Der Kleine Fuhrer”, Il Piccolo Fuhrer, appunto. Quindi è venuto fuori questo libro di propaganda per bambini scritto e illustrato da Hitler.

Come vi siete rapportati con questo libro al giorno d’oggi?

Abbiamo ripreso il volume storicamente, l’abbiamo riadattato ai tempi moderni, l’abbiamo tradotta per farla capire ad un pubblico moderno, poiché parecchi giochi di parole sarebbero stati intraducibili li abbiamo adattati e abbiamo ricolorato in digitale gli acquerelli perché sono arrivati un po’ rovinati ad oggi.

QVANDO C’ERA LVI è diventato, volente o nolente, uno dei nuovi emblemi della satira; nella stesura del Piccolo Fuhrer qual è stato il vostro obiettivo?

QVANDO C’ERA LVI è nato come libro satirico, di questo ci interessava molto di più l’aspetto culturale dell’opera, di come Hitler abbia fatto passare attraverso la propaganda dei messaggi estremi tramite un libro per l’infanzia, usando un linguaggio per bambini. Ci interessava far capire come il linguaggio politico, ieri come oggi, venga usato a fini propagandistici: è uno studio sul linguaggio, più che un lavoro satirico.

Hai ulteriori progetti di questo tipo per il futuro?

Il Piccolo Fuhrer è appena uscito, esce anzi il 5 ottobre, siamo qui a presentarlo in anteprima… stiamo pensando ad alcune cose ma non c’è nulla di ufficiale per ora.

Il Piccolo Fuhrer sarà in tutte le librerie specializzate e le fumetterie dal 5 ottobre, al costo di 10 euro.

Precedente «
Successiva »

Podcast