March 22, 2019
  • facebook
  • twitter
  • telegram
  • youtube
  • instagram
  • paypal
  • Homepage
  • >
  • Serie TV
  • >
  • Time Bandits – Taika Waititi e Terry Gilliam insieme per la serie prodotta da Apple

Time Bandits – Taika Waititi e Terry Gilliam insieme per la serie prodotta da Apple

  • di Andrea Barone
  • 11 Marzo 2019
  • Comments Off

Taika Waititi e Terry Gilliam collaboreranno ufficialmente in quello che si prospetta come uno delle coppie di creativi più intriganti di Hollywood. Il regista di Thor Ragnarok sarà co-scrittore e regista dell’episodio pilota di Time Bandits (I Banditi del Tempo), serie TV per Apple TV basata proprio sull’omonimo film del 1981 di Terry Gilliam. Il regista sarà produttore esecutivo, mentre Waititi svolgerà anche il ruolo di produttore insieme a Dan Halsted.

I banditi del tempo è il primo film della trilogia dell’Immaginazione di Gilliam, che comprende Brazil (1985) e Le avventure del Barone di Munchausen (1988). La pellicola racconta le vicende di Kevin, un bambino undicenne che incontra sei nani intenti a viaggiare nel tempo, unendosi a questi ultimi in un’avventura attraverso la storia. Il gruppo viaggia attraverso le epoche, rubando e incontrando personaggi fondamentali come Napoleone Bonaparte.

I banditi del tempo

Il film è diventato un cult, e ora Gilliam supervisionerà la produzione della serie, che sarà il primo progetto del regista dopo il recente L’uomo che uccise Don Chisciotte, il film dalla lunga e travagliata gestazione presentato l’anno scorso a Cannes.

Per quanto riguarda Waititi, I banditi del tempo è uno dei molti progetti che il regista sta portando in TV recentemente. Vita da vampiro, basato sull’omonimo film di Waititi, debutterà il 27 marzo come serie TV per FX. Il regista è stato inoltre accostato a The Mandalorian, serie Disney+ ambientata nell’universo di Star Wars. Per quanto riguarda il cinema, il regista di Thor Ragnarok dovrebbe tornare nelle sale con la commedia Jojo Rabbit, in collaborazione con Fox Searchlight, questo autunno.

Fonte: Indiewire

Previous «
Next »