Letitia Wright al centro di una polemica per tweet a sostegno di tesi no vax e anti-trans

0
Letitia Wright

La star di Black Panther Letitia Wright, interprete di Shuri nel film dei Marvel Studios, si trova al centro di una polemica dopo aver condiviso sui social media un video no vax con alcuni commenti anche anti-trans.

In un tweet, poi cancellato, la Wright ha condiviso un video sul suo account Twitter intitolato “Vaccino COVID-19, dovremmo prenderlo?” il video ha contestato la sicurezza e l’efficacia di un potenziale vaccino contro il Coronavirus, così come la sicurezza dei vaccini in generale. Il video riguardava un episodio di una serie di YouTube chiamata On the Table in cui un panel si discuteva sul tema della vaccinazione. A un certo punto, il presentatore Tomi Arayomi ha affermato: “Non capisco i vaccini dal punto di vista medico, ma sono sempre stato un po’ scettico nei loro confronti“.

I follower dell’attrice su Twitter hanno risposto rapidamente con commenti negativi contro la posizione no vax del video, e alcuni utenti hanno anche ri-condiviso il post prima che venisse cancellato sottolineando le opinioni trans-fobiche emerse nel video. Ecco di seguito due esempi:

La Wright ha quindi risposto con dei like sui commenti che chiedevano ai Marvel Studios di annullare Black Panther 2 e/o riassegnare il ruolo di Shuri ad un’altra attrice, anche se presumibilmente si trattava di apprezzamenti ironici a questi tweet. Dopo aver cancellato il suo post contenente il controverso video, l’attrice ha risposto con un altro tweet che di seguito riportiamo:

Se non ti conformi alle opinioni popolari, ma fai domande e pensi con la tua testa… vieni cancellato” è il commento della Wright seguito dall’emoticon che ride con le lacrime agli occhi.

Un punto, condivisibile, che è stato sollevato durante la discussione no vax è la storia delle persone di colore usate, nel passato, come cavie negli USA per la medicina: queste obiezioni fanno riferimento all’esperimento Tuskegee, che ha avuto luogo tra il 1932 e il 1972.

Il Tuskegee è l’esperimento che vedeva degli uomini di colore usati come cavie in uno studio medico in cui venivano ingannati, pensando di ricevere assistenza sanitaria pubblica gratuita per la partecipazione al trattamento della sifilide, venendo invece utilizzati come soggetti test per diverse ricerche sulle reazioni del corpo alla somministrazione di sostanze.

Quando le è stato chiesto se avesse letto gli studi e la letteratura sul vaccino COVID-19, o se avesse parlato con medici e virologi, la Wright ha detto: “Ho.. ho anche visto i loro video rimossi e cancellati. Anche di dottori“.

Sulla questione si è pronunciato anche un collega dell’attrice nei film MCU, Don Cheadle, il volto di War Machine, che ha condiviso un tweet in risposta alla Wright dopo aver visto il video:

Il suddetto post si può tradurre così: “Oddio… Che schifo. Ogni volta che mi sono fermato e ho ascoltato, lui, e tutto ciò che ha detto, suonava folle e fottutamente incasinato. Non difenderei mai chi posta roba del genere, ma nemmeno la caccerei.

I Marvel Studios dovrebbero iniziare la produzione di Black Panther 2 ad Atlanta il prossimo luglio 2021, con la star di Narcos: Mexico Tenoch Huerta che dovrebbe interpretare un villain nel film, e con Letitia Wright che pare possa avere più spazio nella pellicola dopo la morte di Chadwick Boseman, l’indimenticabile Re T’ Challa/ Black Panther. Vedremo se questa polemica porterà all’ennesimo ribaltone per Black Panther 2, un film che è nato, a quanto pare, sotto una cattiva stella.

Fonte: CBR; Indipendent

Lascia un commento