August 19, 2019
  • facebook
  • twitter
  • telegram
  • youtube
  • instagram
  • paypal
  • Homepage
  • >
  • Special
  • >
  • [Recensione] Fragments of Horror – Quando la disperazione è di casa

[Recensione] Fragments of Horror – Quando la disperazione è di casa

  • di Gregorio Schianchi
  • 10 Ottobre 2018
  • Comments Off

Dopo Uzumaki nel panorama manga Italiano arriva finalmente un altro must have del maestro Junji Itō, ossia Fragments of Horror. Il volume è costituito da otto brevi storie scritte ed illustrate dal maestro in persona che ha pubblicato in Giappone tra il 2013 e il 2014.
Questo volume può considerarsi come un antologia dell’horror, che nonostante sia composto da diverse storie dalla lunghezza breve ha un comparto che può quasi competere benissimo con tutte le altre opere più corpose e note del maestro.
Con una copertina iconica che richiama il panorama pittorico dell’ottocento rappresentando una variante dell’Urlo di Munch l’artista ha voluto rappresentare la disperazione all’interno di una delle sue storie di paura presenti nell’albo, permettendo cosi solamente dalla cover di introdurre un volume cosi particolare nel suo genere.
Grazie alla sua abilità di storyteller il maestro Junji Itō ha saputo creare un atmosfera macabra che assimila il lettore e lo trascina, anche se per pochi minuti, all’interno di quella spirale di paure e situazioni inquietanti che finiscono per colpire il fruitore direttamente lasciandolo angosciato per qualche minuto e incapace di controllarsi.
Si passa da storie che narrano di case stregate a creature ultraterrene, da ragazzi terrorizzati da fantasmi a strane collezioni di teste.
Come tutte le raccolte anche in questa ci sono delle storie che reputo personalmente più interessanti e degne di nota, queste sono: Il mistero della casa di legno, L’uccello nero e Tomio – Il dolcevita rosso.
Nella prima opera vediamo questa misteriosa figura femminile che si presenta in una antica casa Giapponese risalente al 1854 dove sembra essersi innamorata dell’immobile a tal punto da strusciarsi continuamente contro pareti e pavimenti.
Un bel giorno dopo il matrimonio tra il proprietario e la strana visitatrice la casa inizia a cambiare, subito si pensa ad uno scherzo ma piano piano i due protagonisti si rendono conto che la casa è stregata e dentro essa miriadi di occhi stanno comparendo.
La seconda storia citata in precedenza parla di un ragazzo che viene trovato semi privo di sensi nel bosco e che racconta di essersi perso e di aver trovato sostegno per diversi giorni solamente dalle provviste che aveva nello zaino.
Ma cosi non era, poiché una strana figura femminile ogni notte lo visitava e gli passava mediante la bocca,come fanno gli uccelli con i loro piccoli, il cibo utile alla sua sopravvivenza.
La cosa veramente inquietante è che anche dopo essere stato tratto in salvo il ragazzo ha continuato ad avere le visite di quest’essere macabro e bizzarro.
Nella terza storia, sopra citata, invece si parla di una collezionista di teste che innamorata di quella del protagonista decide di renderla sua incidendo attorno al collo del ragazzo un taglio circolare non molto evidente. Piano piano il taglio si fa sempre più profondo fino a trasformare il dolcevita del ragazzo da bianco a rosso,per via del sangue, ed è qui che in preda al panico chiede aiuto alla sua ex, il tutto in una disperazione abissale.
Insomma, ci sono storie per tutti i gusti ma soprattutto ogni una è diversa da quella precedente permettendo cosi di creare una vera e propria collana di racconti che si identificano in modo univoco tra di loro.
Il disegno, riconducibile immediatamente al maestro, negli anni si è sempre di più consolidato rendendolo adattissimo a storie di questo genere, sia lunghe che brevi come in questo caso.
Il gioco di colori tra il nero e il bianco rende perfettamente l’ambiente, a seconda della necessità, macabro oppure inquietante.
Da fruitore delle opere di Junji Itō, ma soprattutto da amante dell’horror, consiglio a chiunque di dare un opportunità oltre ad opere più famose, come per esempio Tomie o Uzumaki, anche a questa raccolta di otto storie macabre che nel loro complesso risultano parecchio interessanti e di facile lettura, comprensione e quindi fruizione.
Il manga è della stessa fattura di Uzumaki, semplice ma allo stesso tempo pratico da leggere ovunque.


Il volume è edito da Edizioni Star Comics per un prezzo di copertina di €15,00 ed è già disponibile presso tutte le fumetterie e librerie Italiane.

Previous «
Next »
error: Il contenuto è protetto!