August 20, 2019
  • facebook
  • twitter
  • telegram
  • youtube
  • instagram
  • paypal
  • Homepage
  • >
  • Special
  • >
  • [Recensione] Quantum & Woody Devono Morire! di James Asmus e Steve Lieber

[Recensione] Quantum & Woody Devono Morire! di James Asmus e Steve Lieber

  • di Luca Brindani
  • 4 Settembre 2018
  • Comments Off
Quantum Woody Devono Morire!

Edizioni Star Comics passa a portarci dopo il ben più fantascientifico Ivar, l’apprezzata miniserie Quantum & Woody Devono Morire! di James Asmus e Steve Lieber.
Eric Henderson e Woody Henderson sono due fratelli adottivi, ognuno l’opposto dell’altro, ma quando il padre muore ed i due indagando sviluppano incredibili poteri, il duo è formato e diventano dei supereroi con il difficile compito di proteggere anche il padre, la cui mente è stata caricata in una capra. Nel volume quattro che raccoglie la miniserie, “Quantum & Woody Devono Morire!“, Eric e Woody si troveranno coinvolti un complotto che mira a smascherarli come degli incapaci di fronte al pubblico; quando i due si troveranno però a sventare gli esperimenti della misteriosa Znyth ecco che la posta in gioco aumenterà esponenzialmente.
James Asmus ha avuto nel 2013 l’arduo compito di rintrodurre i due personaggi creati da Christopher Priest negli anni 90 al 21esimo secolo nel rilancio di Valiant, già in quel caso riuscendo a fare un buon lavoro e in questa miniserie se possibile fa un lavoro addirittura migliore che in quella serie, andata avanti per 3 volumi (disponibili per Edizioni Star Comics). Quantum rappresenta l’eroe della copia e Woody lo scavezzacollo, due uomini buoni con due modi diversi di vivere il loro essere super nell’età digitale e dell’ingegneria genetica.
La trama imbastita dallo scrittore non è nulla di eclatante, anzi, l’idea alla base di questa miniserie è così semplice da essere velocissima da leggere. Asmus mette i due in continui pericoli che si risolvono nelle maniere più comiche e impossibili anche per dei supereroi. Intorno ad Eric e Woody girano vari personaggi tutti fuori testa, a partire dallo psichiatra Skinner fino ad arrivare al capo della Znyth, Quell. Asmus gioca con tutta la questione degli eroi a pagamento, mettendo i due in situazioni pagate che non fanno altro che creare intorno a loro una fama da eroi che non si confa a Woody ma che ad Eric non dispiace e porta il lettore quindi in un difficile rapporto di coppia con grandi poteri e nessuna responsabilità. I due villain del fumetto: Skinner e la Quell sono due archetipi loro stessi, il primo portato a cercare gli eroi per la vendetta, il secondo per il profitto. Proprio per questo Asmus tramite la loro caratterizzazione riesce a colpire far divertire il lettore, trasformando in macchietta uno e rendendo l’altra un villain temibile per tutto il Valiant Universe e non solo per i fratelli Henderson.
Steve Lieber, noto ai più per il suo lavoro con Nick Spencer su The Fix, ha fatto un buon lavoro riuscendo a bilanciare la parte prettamente di narrativa e in quella con azione esplosiva. Lieber si diverte tanto quanto Asmus a lavorare sui due improbabili supereroi a pagamento della Valiant. Il disegnatore non abituato a bombastici scenari, realizza delle scene d’azione più ridotte che nel complesso generale portano un grandissimo caos nella scena e nelle splash page (poche), d’effetto. Il merito maggiore del disegnatore è quello di riuscire a far recitare i due personaggi che sono il vero perno della vicenda molto di più del “complotto” che li vede compromessi. Il vero però punto forte della componente grafica del volume è stato il lavoro del colorista, Dave McCaig, che colora Lieber rende il volume una gioia per gli occhi che differenzia così la serie da tutti gli altri prodotti Valiant, molto più colorata e abbozzata e che dona un’aura di semplicità e di divertissment al fumetto. Il mood generale dunque funziona e fa identificare il fumetto sopra ad altre produzioni della casa editrice.
Quantum & Woody Devono Morire è un fumetto che diverte e si diverte con dei personaggi così fuori di testa e talmente meta-fumettistici da non avere quasi bisogno della rottura della quarta parete quanto più di semplici e ben scritte battute tra i due e i loro oppositori. Si scherza tanto, si combatte molto e si esagera sempre.


Previous «
Next »
error: Il contenuto è protetto!