October 16, 2019
  • facebook
  • twitter
  • telegram
  • youtube
  • instagram
  • paypal
  • Homepage
  • >
  • Senza categoria
  • >
  • Il direttore artistico del Festival del Cinema di Cannes spiega perché Netflix è stata esclusa dalla competizione

Il direttore artistico del Festival del Cinema di Cannes spiega perché Netflix è stata esclusa dalla competizione

  • di Luca Brindani
  • Marzo 26, 2018
  • Comments Off
Festival Cannes

Netflix è ufficialmente fuori dalla competizione al Festival del Cinema di Cannes.

Il direttore artistico del festival, Theirry Fremaux ha detto che i servizi di streaming possono sempre mostrare i loro film, ma non potranno concorrere alla Palma D’Oro.

Questa limitazione è l’ultima di una serie, tra cui, i selfie, ormai banditi dal festival.

L’anno scorso, quando Okja di Bong Joon-ho e The Meyerowitz Stories di Noah Baumbach sono stati candidati c’è stata una generale indignazione.

I registi Francesi hanno condannato la mossa e hanno insistito perché il Festival cambiasse le regole per l’edizione del 2018. Purtroppo per i protestanti, non si è fatto in tempo a cambiare il regolamento per l’edizione dello scorso Maggio, ma quella di questo 2018 sarà la prima edizione senza pellicole prodotte da servizi di Streaming in concorso.

Fremaux ha detto che La decisione era un rischio che era disposto a prendere, almeno la prima volta, per impedire che il festival diventasse stagnante. E anche se sapeva che sarebbe stata una decisione controversa, il festival voleva mostrare in anteprima i film dei due registi, per non farli andare in un’altro Festival. [NDR: Si sta riferendo a Okja e The Meyerowitz Stories]

Il direttore ammette anche che è stato comprensivo con Netflix, pensando che si sarebbero piegati alle loro regole.

“L’anno scorso, quando abbiamo selezionato i due film, pensavo che saremmo riusciti a convincere Netflix a mandare le pellicole nei cinema. Ero presuntuoso, hanno rifiutato.”

Al tempo, Netflix stava tentando di ricevere i permessi per mandare le due pellicole nei cinema Francesi per meno di una settimana, precedentemente al rilascio sulla piattaforma. Questo non è stato permesso a causa delle rigide leggi Francesi e le due parti non hanno raggiunto un accordo.

Come risultato, con il festival che cambia le sue regole, richiedendo un’uscita nei cinema Francesi per poter rendere candidabili le pellicole, Netflix ne rimane esclusa.

“Le persone di Netflix, amano il tappetto rosso e vorrebbero essere presenti con altri film. Ma loro capiscono che l’intransigenza del loro modello è ora l’opposto al nostro. Dobbiamo mettere in conto l’esistenza di questi potenti nuovi giocatori: Amazon, Netflix e presto Apple. Noi difendiamo la figura di un Cinema a rischio come Festival e dobbiamo considerare questo ogni anno che ci sediamo al tavolo.”

Precedentemente Cannes era già stata oggetto di critiche quando ha ammesso in concorso, il film per la televisione di Olivier Assayas, Carlos nel 2010.

Fremaux ha concluso affermando che questi grandi nuovi giocatori come Amazon e Netflix, stanno impedendo ai registi di fare grandi film, creando solo degli “ibridi” che non sono ne Televisione ne propriamente film.

“Il Cinema trionfa ancora ovunque, anche nell’era d’oro delle serie. La storia del cinema e quella di internet sono due cose diverse.”

Ha detto Fremaux.

Fonte: The Hollywood Reporter

Previous «
Next »
error: Il contenuto è protetto!