September 18, 2019
  • facebook
  • twitter
  • telegram
  • youtube
  • instagram
  • paypal
  • Homepage
  • >
  • News
  • >
  • Kareem Abdul-Jabbar definisce razzista il ritratto di Bruce Lee fatto da Quentin Tarantino

Kareem Abdul-Jabbar definisce razzista il ritratto di Bruce Lee fatto da Quentin Tarantino

  • di Alessandro Pallotta
  • Agosto 17, 2019
  • Comments Off
Kareem Abdul-Jabbar

La leggenda della NBA Kareem Abdul-Jabbar è l’ultima figura a criticare il ritratto di Bruce Lee di Quentin Tarantino in Once Upon a Time in Hollywood. In una rubrica per The Hollywood Reporter, Kareem Abdul-Jabbar critica il ritratto di Quentin Tarantino sulla leggenda delle arti marziali. Kareem Abdul-Jabbar aveva lavorato con Bruce Lee nel film sulle arti marziali The Game of Death, e lo considerava il suo “amico e insegnante“.

Il ritratto di Bruce Lee di Quentin Tarantino in Once Upon a Time a Hollywood non è all’altezza di questo standard. Ovviamente, Tarantino ha il diritto artistico di interpretare Bruce come vuole. Ma farlo in modo così sciatto e un pò razzista è un fallimento sia come artista che come essere umano.

Kareem Abdul-Jabbar afferma anche che questa controversia in Once Upon a Time a Hollywood lo ha lasciato in conflitto, perché è un ammiratore del regista. Tuttavia, ritiene che sulla base della ricchezza di conoscenza della storia cinematografica di Quentin Tarantino, questa rappresentazione non è all’altezza per numerosi motivi:

Ho visto ogni film di Tarantino come se fosse un evento, sapendo che il suo rifacimento dei film d’azione degli anni ’60 e ’70 sarà molto più divertente di un semplice omaggio. Questo è ciò che rende le scene di Bruce Lee così deludenti, non tanto su una base di fatto, ma quanto a una mancanza di consapevolezza culturale.

Quest’affermazione di Kareem Abdul-Jabbar è l’ultima forma di critica fatta contro questo ritratto di Bruce Lee in Once Upon a Time a Hollywood. Shannon Lee, figlia della leggenda delle arti marziali, ha fatto notizia quando ha espresso la sua delusione per il modo in cui il film ha interpretato suo padre.

Ecco la sinossi ufficiale di Once Upon a Time a Hollywood di Quentin Tarantino:

ONCE UPON A TIME IN HOLLYWOOD di Quentin Tarantino visita Los Angeles nel 1969, dove tutto sta cambiando, dato che la star televisiva Rick Dalton (Leonardo DiCaprio) e la sua controfigura stunt-man di lunga data Cliff Booth (Brad Pitt) si fanno strada in un settore che difficilmente riconoscono più. Il nono film dello scrittore-regista presenta un cast di ensemble di grandi dimensioni e diverse trame in omaggio ai momenti finali dell’età d’oro di Hollywood.

Scritto e diretto da Quentin Tarantino, Once Upon a Time a Hollywood è interpretato da: Leonardo DiCaprio, Brad Pitt, Margot Robbie, Emile Hirsch, Margaret Qualley, Timothy Olyphant, Austin Butler, Dakota Fanning, Bruce Dern, Mike Moh e Al Pacino.

Fonte: HeroicHollywood

Previous «
Next »
error: Il contenuto è protetto!