Titans 1×01 – I Giovani Titani incontrano gli Outsiders | Recensione

0
Titans

Finalmente ha debuttato su DC Universe, Titans, la prima serie tv prodotta dal canale di streaming di DC Entertainment e che farà da apripista alle prossime produzioni come Doom Patrol.
La serie prima del suo debutto aveva fatto parlare di sé, sopratutto per due motivi, il primo Anna Diop come Starfire e il look di quest’ultima nella serie, il secondo, una frase di Robin (Brenton Thwaites) nel trailer rilasciato al San Diego Comic-Con, “Fuck Batman“; questi due elementi avevano tremendamente fatto preoccupare i fan che alla fine con questo primo episodio e il loro assaggio della serie possiamo dire saranno sicuramente placati o almeno vedranno che all’interno della sceneggiatura hanno un senso compiuto e non fine a sè stesso.
La puntata vede Rachel Roth (Teagan Croft) fuggire di casa dopo che la madre viene uccisa da un uomo, nel mentre il detective Dick Grayson (Brenton Thwaites) riprende dopo un anno i panni del suo alter ego mascherato, Robin, per poter finalmente portare un pò di giustizia alla vittima di un caso che non è riuscito ad aiutare, una giovane bambina. I due si troveranno sulla stessa strada quando Rachel arriverà a Detroit dopo essere scappata dall’uomo e non avrà altri aiuti all’infuori di quelli dell’ex sidecick di Batman. Nel mentre vediamo Starfire (Anna Diop) risvegliarsi senza ricordi e con dei vestiti che non riconosce in un’auto e veniamo a scoprire che ha passato gli ultimi mesi, se non l’ultimo anno in incognito per indagare proprio su Rachel.
Insomma questa premiere mette tanta carne al fuoco, prendendo lo spettatore anche di sorpresa su alcune questioni spinose e che da sempre fanno discutere dell’universo cinematografico DC spesso messo in contrapposizione a quello Marvel, i toni seri e dark; ma non temete questa serie tv si prende decisamente sul serio, ma non perché usa qualche palette cromatica scura, ma bensì perché i ragazzi che qui vediamo protagonisti non sono Teen Titans, sono adulti (a parte Rachel) e hanno visto la crudeltà di un mondo che idolatra i supereroi ma ha paura dello stadio antecedente al supereroe, ossia l’essere umano con poteri. Per certi versi questa premiere fa assomigliare molto di più la creazione di questo team a quella di un gruppo di “Outsiders” della DC Comics che al classico gruppo dei Nuovi Titani di Wolfman e Perez, nonostante ne mantengano, almeno in questa premiere alcuni aspetti cardine come il rapporto tra i personaggi su cui ci si concentra subito molto di più rispetto all’azione e l’impegno sociale delle trame che negli anni 70 fecero la fortuna di quella serie ma aggiornati alla modernità quasi solamente dal punto di vista estetico dato che già a quel tempo si parlava di temi che sono tutt’ora attuali, forse più che quando la serie fu pubblicata da DC Comics.

In questa nuova versione, Raven diventa una ragazza scappata di casa che oltre che alla ricerca di sé stessa cercherà l’aiuto di altri diventando a quanto pare da questa puntata, collante del gruppo e colei anche che fa partire la storia. Robin diventa il membro scavato del gruppo, addestrato e fin troppo simile a Batman, già nella premiere viene fatto ben notare quanto la paura di Dick di diventare come Bruce sia forte e abbia lasciato dei segni sul suo modo di combattere ed agire, è riluttante a mettersi di nuovo nei panni di Robin all’inizio della puntata. Starfire diventa l’elemento imprevedibile a causa di quello che le è successo, un pò come nei fumetti e questo potrà decisamente creare dei risvolti interessanti che possono fare da apriporta per altri archi narrativi ed aumentare la posta in gioco. Perché un’altro elemento che pare evidente sin da subito è quanto ci sia un pericolo tangente in arrivo nella dimensione dove i protagonisti vivono e che Raven sia l’unica che può fermarlo. Di Beast Boy purtroppo in questa premiere vediamo molto poco, e per lo più ci vengono mostrati i suoi poteri e la sua dolorosa trasformazione, altra aggiunta che rispetto al materiale cartaceo rende il personaggio ancora più interessante.
L’azione è un impianto molto importante per le serie tv di questo genere e da questa prima puntata pare evidente che ci sia l’intenzione di mostrare davvero qualcosa di forte come contenuto, ma anche con molta azione al cardiopalma che ti trascina per scene anche lunghe, come lo scontro nel vicolo o l’inseguimento di Dick sul finire della puntata. Buoni anche gli effetti speciali che sembravano veramente ignobili nel primo trailer rilasciato e che risultano molto meno approssimativi nella rappresentazione dei poteri di esseri come Raven o Beast Boy. La scena in cui Kory da dimostrazione dei suoi poteri è potente e devastante, mostrando solo una parte della sua forza e dei suoi poteri, sottolineiamo il mostrare e non parlare, pratica ormai in disuso negli show supereroistici che preferiscono trascinarsi in spiegoni inutili.
Titans si presenta dunque bene, con un cast che sa quello che fa, nonostante Thwaites rubi spesso la scena, ma fin ora è stato messo in contatto solo con Rachael dunque dovremo vedere il proseguire della serie per capire se effettivamente vi è la stessa alchimia con anche gli altri membri del gruppo. Alcune scelte potrebbero far arrabbiare i fan, ma alla luce di una sola puntata si può solo dire che la serie ha una precisa direzione e che intende arrivarci senza perdere troppo tempo ma costruendo anche questo universo alternativo.


La serie nel nostro paese, come in tutti quelli in cui non è disponibile DC Universe, sarà distribuita da Netflix, molto probabilmente al termine della prima stagione.