Il 10 febbraio arriva al cinema Assassinio Sul Nilo, nuovo film di Kenneth Branagh tratto dall’omonimo romanzo della regina dei gialli Agatha Christie. Secondo film di Branagh uscito quest’anno dopo Belfast, Assassinio Sul Nilo sarebbe dovuto uscire nel 2020 ma a causa della pandemia è stato più volte rimandato per essere infine confermato nel 2022 con l’uscita mondiale solo nelle sale cinematografiche. Abbiamo visto il film in anteprima e questo è il nostro parare no spoiler!

Mentre è in vacanza sul Nilo, il geniale detective di fama mondiale Hercule Poirot (Kenneth Branagh) si ritrova ad indagare sull’omicidio di Linnet Ridgeway (Gal Gadot), una ricca ereditiera in luna di miele con suo marito Simon (Armie Hammer). La scena del delitto è il lussuoso battello Karnak sul quale viaggiano illustri ospiti, tutti dei potenziali assassini. Se all’inizio la colpa ricade sull’ex fidanzata di Simon, Jacqueline (Emma MaCkey), un secondo ed improvviso omicidio, mescola le carte in tavola, creando non porche difficoltà anche all’astuto Poirot.

Dopo Assassinio sull’Oriente Express, Kenneth Branagh torna in cabina di regia (e come protagonista) di un altro adattamento di un romanzo della regina del giallo inglese Agatha Christie. Se già nel finale del primo film avevamo potuto avere un’anticipazione sulla prossima avventura di Poirot, la conferma non ha tardato ad arrivare. Nel 2018 è stata confermata la produzione del nuovo film e successivamente, a causa della pandemia, la pellicola ha subito diversi slittamenti. Il romanzo che Branagh adatta era stato nel 1946 definito dallo scrittore John Dickson Carruno dei migliori dieci gialli di tutti i tempi” collezionando pareri postivi negli anni a venire. Era già stato adattato per il cinema nel 1978 da John Guillermin con un cast di stelle tra le quali svettano nomi come: Bette Davies, Mia Farrow, Angel Lansbury e Maggie Smith. In un certo senso Branagh compie un’operazione simile, inserendo nel cast un parterre di nomi particolarmente noti al pubblico tra cui: Armie Hammer, Gal Gadot, Emma Mackey, Russell brand, Annette Bening, Rose Leslie, Letitia Wright, operazione che aveva già compiuto con Assassinio sull’Oriente Express in cui erano presenti: Johnny Depp, Penelope Cruz, Willem Defoe tra gli altri.

Assassinio sul Nilo è nel complesso un discreto adattamento dell’opera di Christie, rispettoso nella messa in scena e senza particolari stravolgimenti sul piano della narrazione. Branagh aveva già dimostrato dimestichezza con le opere della scrittrice inglese proprio con il suo film precedente, ricco di easter egg da altri romanzi, caratteristica che replica anche in questo nuovo progetto. Nonostante non ci siano chi sa quali colpi di scena (almeno per chi ha visto il film del’78, o letto il romanzo), il film riesce ad intrattenere e a presentare abbastanza bene l’insieme di personaggi particolarmente vari. Purtroppo nonostante il cast di un ceto rilievo, alcuni più di altri sono messi in ombra o dimenticati durante il corso della pellicola, venendo solo in parte approfonditi. Lo stesso Branagh nelle vesti di regista e attore protagonista riesce nella gestione completa del lavoro, anche se abusa di onnipresenza, caratteristica assente nei romanzi di Agatha Christie in cui Poirot è sì il protagonista, ma lascia un enorme margine di azione proprio ai personaggi che costellano le vicende intervenendo solo in alcuni e precisi momenti.

Interessante è la gestione dello spazio scenico. Branagh dopo una lunga ed eccelsa carriera teatrale come uno dei principali interpreti delle opere shakespeariane, riversa nei suoi film tutto l’amore per il teatro, creando dei veri e propri palchi scenici in cui far muovere gli attori. La location per eccellenza del film è il battello Karnak (interamente ricostruito) in cui avvengono gli omicidi e la risoluzione del caso, un battello fatto di vetri di cristallo, di ponti e di terrazzi in cui sembra impossibile nascondersi. Anche la scenografia, seppur ad occhio molto finta, non può non ricordare i fondali dei teatri. Suggestiva e davvero ben riuscita è la colonna sonora ad opera di Patrick Doyle, compositore ormai storico di Branagh, realizzatore delle colonne sonore di: Thor, Assassinio sull’Oriente Express, Cenerentola e Artemis Fowl.

Assassinio sul Nilo è nel complesso un discreto adattamento dell’opera di Agatha Christie, rispettoso nella messa in scena e senza particolari stravolgimenti sul piano della narrazione. Pur presentando però un cast di rilievo, questo è solo in parte sfruttato e approfondito. L’amore per il teatro di Kenneth Branagh è palpabile in ogni fotogramma, tanto da trasformare l’intera messa in scena in un palcoscenico in cui si muovono ed interagiscono gli attori. Non ci resta che aspettare e scoprire se ci saranno altre avventure del mitico e baffuto Hercule Poirot interpretato da Kenneth Branagh.


Assassinio Sul Nilo arriva solo al cinema il 10 febbraio. Ecco il trailer italiano del film:

Lascia un commento