October 15, 2019
  • facebook
  • twitter
  • telegram
  • youtube
  • instagram
  • paypal
  • Homepage
  • >
  • News
  • >
  • Il Signore degli Anelli – La nuova traduzione della Poesia dell’Anello divide i fan

Il Signore degli Anelli – La nuova traduzione della Poesia dell’Anello divide i fan

  • di Andrea Barone
  • Ottobre 8, 2019
  • Comments Off
Il Signore degli Anelli

Il Signore degli Anelli non ha certo bisogno di presentazioni: stiamo parlando di uno dei romanzi più famosi di tutti i tempi, una delle opere più celebri e celebrate della letteratura in generale e di quella fantasy più nel dettaglio, che ha ispirato generazioni di lettori e scrittori, issandosi a termine di paragone per chiunque voglia scrivere fantasy. Il tutto, senza tralasciare la celebre trilogia cinematografica diretta da Peter Jackson, che ha dato, se possibile, ancora più notorietà all’opera di J.R.R Tolkien.

In questi giorni, il celebre romanzo è tornato al centro delle discussioni sui social: è infatti in corso d’opera una nuova traduzione dell’epopea di Frodo e della Terra di Mezzo, ad opera di Ottavio Fatica, traduttore di caratura internazionale, vincitore di diversi premi per la traduzione di diverse opere.

Ingaggiato nel 2018 per curare la traduzione della nuova edizione de Il Signore degli Anelli, in questi giorni, grazie alla diffusione dell’ AIST – Associazione Italiana Studi Tolkieniani, sono emerse alcune traduzioni ad opera di Fatica, con una in particolare che ha scatenato le reazioni del fandom del Maestro Tolkien, ovvero la traduzione della celebre Poesia dell’Anello.

Questa la versione “classica” della poesia:

«Tre Anelli ai Re degli Elfi sotto il cielo che risplende,
Sette ai Principi dei Nani nelle lor rocche di pietra,
Nove agli Uomini Mortali che la triste morte attende,
Uno per l’Oscuro Sire chiuso nella reggia tetra,
Nella Terra di Mordor, dove l’Ombra nera scende.
Un Anello per domarli, un Anello per trovarli,
Un Anello per ghermirli e nel buio incatenarli,
Nella Terra di Mordor, dove l’Ombra cupa scende.»

Questa invece la nuova versione, che apparirà nella quarta di copertina della nuova edizione del romanzo:

«Tre Anelli ai Re degli Elfi sotto il cielo,
Sette ai Principi dei Nani nell’Aule di pietra,
Nove agli Uomini Mortali dal fato crudele,
Uno al Nero Sire sul suo trono tetro
Nella terra di Mordor dove le Ombre si celano.
Un Anello per trovarli, Uno per vincerli,
Uno per radunarli e al buio avvincerli
Nella Terra di Mordor dove le Ombre si celano.»

Le differenze sono piuttosto lampanti: se da un lato, alcuni cambiamenti tendono a rendere più “moderno” il tutto, allo stesso tempo la scelta di alcuni vocaboli, come “avvincerli” suonano stranianti e strani.

Ovviamente non sta a noi decidere quale sia la traduzione migliore (ammesso che una delle due lo sia), e men che meno giudicare l’operato di un grande professionista come Ottavio Fatica, per cui ci limiteremo a segnalare come la nuova traduzione abbia scatenato una divisione piuttosto netta tra due schieramenti, tra chi sostiene con forza l’intoccabilità della traduzione classica e chi invece apre alla novità e ad una versione giudicata più consona.

Ovviamente, dopo il caso Neon Genesis Evangelion, ogni volta che una traduzione od un adattamento non piace al pubblico, o ad una parte di esso, viene evocato il nome di Gualtiero Cannarsi, ormai simbolo e protagonista di ogni meme o polemica che abbia a che fare con una traduzione “astrusa” o discutibile.

Oltre alla traduzione, anche la copertina ha suscitato perplessità:

Il Signore degli Anelli

 

Al di là di polemiche e discussioni su traduzione e copertina, è bello vedere come un grande classico della letteratura riscuota ancora oggi un grande successo e goda di grande attenzione mediatica. La serie TV in lavorazione da parte di Amazon non potrà far altro che accrescere ancora di più la fama di una delle opere letterarie più importanti di sempre.

La nuova edizione de Il Signore degli Anelli arriverà nelle librerie il 30 ottobre con la prima parte, La Compagnia dell’Anello.

Previous «
Next »
error: Il contenuto è protetto!