September 20, 2019
  • facebook
  • twitter
  • telegram
  • youtube
  • instagram
  • paypal

Superman sbarca su Twitter e si schiera a favore dei migranti

  • di admin2313
  • Agosto 11, 2019
  • Comments Off
superman twitter

Pochi argomenti sono di attualità sia negli USA che in Europa quanto l’immigrazione, nonostante la miriade di opinioni sull’argomento nessuno si aspettava che la DC Comics facesse prendere a Superman una posizione netta sull’argomento.

È però quello che è successo in seguito all’apertura di un account ufficiale dedicato all’Uomo d’Acciaio, in cui uno dei primi post è stato un video dedicato ad una storia pubblicata negli anni ’60 intitolata “Porgi una mano amichevole” che vedeva Superman redarguire, motivando a dovere la sua risposta, due ragazzini che avevamo lasciato da parte un terzo ragazzo, con la sola colpa dell’esser un rifugiato. Il video era inoltre accompagnato da un tweet che diceva: “Per oltre 80 anni, Superman ci ha fatto vedere il meglio dell’umanità #ThrowbackThursday #TBT”.

La storia a cui si fa riferimento nel video si focalizza su Jim ed un suo amico che decidono di non voler giocare insieme ad un ragazzo chiamato Sandor in quanto rifugiato politico. Il pensiero dei due ragazzi è legato al classico stereotipo del bambino rifugiato che non sa parlare inglese o giocare a palla; la storia vede poi l’intervento di Superman che li accompagna in un viaggio alla scoperta della vita dei rifugiati ed ad un’analisi delle loro motivazioni, legate spesso a eventi politici, guerre o disastri naturali.
Infine Supes mostra ai due come sia realmente un campo rifugiati e che molto di quei bambini, nati nel campo, non hanno nemmeno idea di quale sia la loro vera casa o zona di origine; infine l’Uomo d’Acciaio fa comprendere ai due come molte organizzazioni cerchino di aiutare queste persone a trovare una nuova sistemazione ed aggiungere che un piccolo aiuto potrebbe essere quello di essere più amichevoli verso Sandor ed altri ragazzi nella sua condizione.

Fonte: Comicbook

Previous «
Next »
error: Il contenuto è protetto!