April 21, 2018
  • facebook
  • twitter
  • youtube
  • instagram

Black Mirror 1×03 – Ricordi Pericolosi

  • da Marco Travicelli Sciarra
  • 19 ottobre 2016
  • Comments Off

Ricordi Pericolosi (The Entire History of You) è il terzo ed ultimo episodio della prima stagione di Black Mirror. Finora ogni episodio della serie ci hanno mostrato delle storie pericolosamente vicine alla nostra realtà, dandoci un assaggio di come un mondo popolato dalla tecnologia sia capace di guidare gli esseri umani a comportamenti estremi. Ma “The Entire History of You” è in assoluto la puntata più scomoda e profonda dell’intero show. Scritto da Jesse Armstrong (il co-creatore di Peep Show), al centro dell’episodio abbiamo un chip impiantato nel cranio, direttamente dietro all’orecchio, che registra tutto ciò che si vede e permette di riprodurre i vari ricordi ogni volta che si vuole.

Black MirrorSebbene la trama ruoti attorno ad un triangolo amoroso ed al sospetto di infedeltà, Armstrong non perde di vista le basi della serie includendo molti dettagli ed interazioni possibili con tale dispositivo. Riprodurre un colloquio di lavoro per comprendere meglio come possa essere andato! Inserire il chip nella testa del vostro bambino per assicurarsi che la babysitter faccia bene il suo lavoro! La vita sessuale con tua moglie è tiepida? Non ti preoccupare, sfrutta il chip per riprodurre prestazioni ben più calde e coinvolgenti mentre si prende parte all’atto sessuale! I controlli in aeroporto? Basta riavvolgere la settimana appena trascorsa difronte a degli agenti per dimostrare che si ha tutte le carte in regola!

Proprio come in “15 Million Merits“, “The Entire History of You” rivela lentamente la complessità del mondo che circonda i personaggi, senza aver molte informazioni da cui partire.

schermata-2016-10-18-alle-17-58-49Nella storia seguiamo Liam (Toby Kebbell) che dopo un incontro di lavoro si appresta ad andare a una festa, dove la moglie Ffion (Jodie Whittaker) sta apparentemente flirtando con un vecchio amico di nome Jonas (Tom Cullen). Non accade niente di particolarmente interessante fino a quando ci viene introdotto un altro personaggio, Hallam (Phoebe Fox), una ragazza che ha da qualche mese si è fatta rimuovere i chip. Lei si pone come elemento di rottura della normalità massificata di tutti gli altri che trovano normalissimo avere un dispositivo in testa che permette di creare un vero e proprio database fisico dei propri ricordi. Tra tutti Jonas se ne esce raccontando uno dei vantaggi del dispositivo, ovvero la possibilità di rivedere tutte le proprie prestazioni sessuali fantasticando sulle donne che è riuscito a sedurre ed usare. Dopo aver scoperto della storia passata tra Jonas e sua moglie, Liam entra in paranoia e si ritrova ad analizzare ogni suo minimo ricordo, zoomando, riavvolgendo e ricercando in ogni minima inquadratura un dettaglio che possa mostrare l’attrazione di Ffion verso Jonas. La loro sarà stata una semplice avventura giovanile oppure la donna gli sta nascondendo qualcosa?

schermata-2016-10-18-alle-18-00-06

The Entire History of You” è uno slice of life che in 50 minuti ci trasporta in un mondo in cui l’illusione non è più concessa, mostrandoci la distruzione di un uomo. Questo tra tutti gli episodi è quello più realistico, non per la tematica trattata, ma per l’uso morboso della tecnologia da parte delle persone. È davvero raccapricciante vedere persone rese vuote da un dispositivo che sostituisce qualsiasi emozione, da una semplice cena tra amici ad un rapporto sessuale. Ogni volta che un personaggio riproduce qualcosa con il chip, i loro occhi brillano e diventano quasi completamente bianchi, dandogli un aspetto demoniaco. Sono sicuro che questa scelta di Armstrong è stata tutt’altro che casuale. Forse non è l’episodio più visionario e memorabile della serie, ma vi resterà dentro, logorandovi nel tempo, e sarà davvero difficile dimenticarlo.

Come in un inquietante parabola aggiornata per i tempi moderni, questa puntata racconta una storia vecchia come il mondo e lo fa in modo piuttosto eccezionale. L’episodio è diviso in tre atti, ognuno caratterizzato da un sentimento ben distinto, che portano Liam verso un estrema ricerca della libertà: libertà dalle ossessioni, libertà dall’angoscia, libertà dai ricordi.
Se i primi due episodi sono stati due forti colpi allo stomaco, “The Entire History of You” è un devastante gancio che vi manderà K.O.

Black Mirror – La tecnologia secondo Charlie Brooker

Precedente «
Successiva »

Podcast