November 20, 2018
  • facebook
  • twitter
  • telegram
  • youtube
  • instagram
  • paypal

Bonelli produrrà una serie tv su Dylan Dog tramite la nuova Bonelli Entertainment

  • di Luca Brindani
  • 1 agosto 2018
  • Comments Off
Sergio Bonelli Editore Dylan Dog

Sergio Bonelli Editore produrrà tramite Bonelli Entertainment una serie tv su Dylan Dog.
Variety riporta la notizia che la casa editrice Italiana, tramite la Bonelli Entertainment produrrà una serie tv in lingua Inglese di Dylan Dog.
Vincenzo Sarno, incaricato dello sviluppo ha rivelato che sono in contatto con vari partner Italiani e anche lcuni servizi di streaming globali per i loro nuovi progetti che non coinvolgono solo l’indagatore dell’incubo.
La mossa della Bonelli mira ad affermare l’impronta Italiana nel business delle serie tv, dopo che show come Gomorra e The Young Pope hanno conquistato il pubblico internazionale.

“Sviluppare nuovi modi per mettere le persone in contatto con i nostri più popolari ed iconici personaggi e franchise e anche show esclusivi è una nostra priorità. Stiamo investendo nella produzione di show originali e di alta qualità come la serie di Dylan Dog.”

Ha dichiarato Sarno.
“Dylan Dog” sta venendo sviluppata come una stagione di 10 episodi, basata sulle storie dell’investigatore del paranormale inventato da Tiziano Sclavi che insieme al suo fidato compagno Groucho si trova ad indagare sul mondo bizzarro e paranormale che circonda Londra, fatto di mostri, vampiri e lupi mannari.
Altri progetti che Bonelli ha in sviluppo sono una serie tv fantascientifica su Nathan Never, una serie avventurosa dedicata a Mister No, la serie su Dampyr ed un adattamento animato di Dragonero in sviluppo presso RAI. Anche Il Confine e Martin Mystère avranno presto un adattamento. Il Confine sarà una co-produzione con Lucky Red.
Michele Masiero di Bonelli, ha concluso rivelando che tutte le serie avranno punti di contatto che gli permetteranno di poter in alcuni casi fare degli spin off. Infatti, Dylan Dog introdurrà le possibili serie su Mister No e su Martin Mystère. Inoltre conferma che le serie adatteranno storie che possano funzionare sia sulla carta stampata che sullo schermo.

Previous «
Next »