August 21, 2019
  • facebook
  • twitter
  • telegram
  • youtube
  • instagram
  • paypal
  • Homepage
  • >
  • Serie TV
  • >
  • Netflix ha perso 130.000 abbonati negli USA nel secondo trimestre 2019

Netflix ha perso 130.000 abbonati negli USA nel secondo trimestre 2019

  • di Andrea Barone
  • 18 Luglio 2019
  • Comments Off
netflix

Per la prima volta nella sua breve ma fortunata storia, Netflix ha subito un calo negli abbonamenti, almeno per quanto riguarda il territorio degli Stati Uniti d’America.
In questi giorni, in un comunicato agli azionisti, il colosso dello streaming ha confermato il suo primo calo in fatto di abbonamenti, con 130000 account non rinnovati durante il secondo trimestre 2019.

Oltre alla perdita di abbonamenti sul suolo natio, la piattaforma streaming ha riscontrato anche una crescita non congrua alle aspettative. Se nell’ultimo trimestre la crescita è stata di circa 2.7 milioni di account a livello globale, il riscontro precedente aveva fornito dati molto più soddisfacenti, con una crescita di cinque milioni di account, di cui 4,7 a livello globale e circa 300000 a livello USA.

Nella lettera ai propri azionisti, Netflix ha giustificato il calo con il palinsesto meno ricco a livello di contenuti di grido, un periodo che si è concluso con l’uscita della terza stagione di Stranger Things ad inizio luglio.

Il calo si è visto in ogni regione, ma leggermente di più in quelle zone in cui abbiamo aumentato il prezzo. Crediamo che la competizione sia stato un fattore importante, visto che in questo trimestre la nostra offerta è stata sicuramente meno forte rispetto al precedente. Questo secondo trimestre ha sicuramente generato meno introiti di quanto ci aspettassimo, ma in compenso il primo trimestre è stato davvero ottimo (con 9.6 milioni di nuovi account).

Nonostante il calo nei secondi quattro tre del 2019, Netflix si aspetta un terzo trimestre decisamente redditizio, con un innesto di 7 milioni di account previsti, una cifra che supererebbe i 6.1 milioni dello stesso periodo dello scorso anno.

E’ sicuramente un traguardo ambizioso, ma dovrebbe essere fattibile, dato che in questo periodo la piattaforma vedrà l’arrivo delle due serie più seguite del suo intero palinsesto. Da un lato, due settimane fa ha esordito Stranger Things 3, che ha già fatto registrare numeri record, ed a fine luglio arriverà la settima ed ultima stagione di Orange is the New Black, altra serie popolarissima in tutto il globo.

Resta da capire se si è trattato solo di un calo dovuto al palinsesto meno ricco del solito, o se si tratta dei primi segni di cedimento di Netflix, che comincia ad essere circondata da competitor sempre più agguerriti.

Fonte: Comicbook

Previous «
Next »
error: Il contenuto è protetto!