Oggi, venerdì 15 ottobre, arriva su Amazon Prime VideoSo Cosa Hai Fatto” nuova serie teen horror tratta dal romanzo omonimo di Lois Duncan e a sua volta reboot dell’iconico film dallo stesso titolo del 1997 con Sarah Michelle Gellar. Grazie ad Amazon Prime Video abbiamo potuto vedere i primi quattro episodi della nuova serie in anteprima e questo è il nostro parere!

Un anno dopo il fatale incidente d’auto che ha sconvolto la serata del loro diploma, un gruppo di adolescenti si ritrova legato da un segreto oscuro e perseguitato da un brutale assassino. Mentre cercano di scoprire chi li insegue, i ragazzi rivelano il lato oscuro della loro città apparentemente perfetta, e di loro stessi. Tutti nascondono qualcosa e scoprire il segreto sbagliato potrebbe essere mortale.

So Cosa Hai Fatto è sicuramente uno dei prodotti più attesi dell’autunno 2021, almeno da quando è stato annunciato. Teen drama con influssi horror/splatter e slasher è un rifacimento, più una nuova versione, dell’ormai iconico film dallo stesso nome che non tutti sanno essere ispirato ad un romanzo, meno noto, da poco ripubblicato da Fanucci Editore.

Raccontando una storia ancora una volta diversa dai suoi due predecessori, So Cosa Hai Fatto è il primo prodotto seriale “teen horror” prodotto da Amazon Prime Video che tenta in qualche modo di emulare altre serie come tv come quella ispirata alla serie di film Scream. Rivolta sicuramente ad un pubblico di giovani, nonostante il linguaggio e le scene esplicite, So Cosa Hai Fatto non convince da subito, risultando a tratti impersonale e confusionaria. E’ vero, stiamo parlando solo dei primi quattro episodi, le carte in tavola potrebbero essere rimescolate nella restante seconda parte della stagione, ma la presentazione non è stata delle migliori. Scene inutilmente voyeuristiche si susseguono a reazioni decisamente troppo artefatte dei personaggi, specialmente dei più giovani, risultando stranianti e troppo montate.

Seguendo il successo di serie come Euphoria di HBO, con Zendaya protagonista, anche So Cosa Hai Fatto tenta in qualche modo di emulare, in determinate scene, l’estetica che tanto aveva caratterizzato il precedente prodotto. In So Cosa Hai Fatto al contrario di Euphoria la ricercatezza delle scene, l’estetica, la regia, risultano solo un artificio inserito per rendere il tutto esteticamente più appagante, senza un vero e proprio riscontro ai fini narrativi.

La storia ruota intorno ad Allison e Lennon, due gemelle identiche interpretate da Madison Iseman. Il loro rapporto, la loro storia, darà il via a tutta l’azione che colpirà anche gli amici delle due che si ritrovano in una vicenda di sangue, inseguiti da un sadico serial killer con metodi non molto comuni di uccidere le sue vittime. Per ora anche la parte splatter non sembra essere centrale e soprattutto focalizzata; le scene hanno una costruzione non molto convincente e la CGI che viene utilizzata non è certo delle migliori.

Un po’ come era successo con Panic sempre di Prime Video, anche in So Cosa Hai Fatto sembra esserci il continuo problema legato a questo genere di narrazioni in cui la trama finisce per essere sempre la stessa, dove a cambiare sono solo alcuni dettagli (i giochi di sopravvivenza in Panic, il serial killer e l’omicidio stradale in questa). Personaggi fin troppo simili tra loro, vicende familiari affini e contesto pressoché identico fanno di So Cosa Hai Fatto (attualmente) una serie che non ha nulla di più da raccontare di tante altre dello stesso genere, nonostante sia un teen horror, genere che ultimamente ha ritrovato una vera e propria vita.

So Cosa Hai Fatto arriva su Amazon Prime Video oggi, venerdì 15 ottobre, con i primi quattro episodi. I restanti quattro episodi usciranno ogni venerdì a cadenza settimanale. Ad oggi ci sentiamo di dire che è sicuramente un prodotto intrigante per i più giovani che probabilmente non ha dato il meglio di sé in partenza. Ci auguriamo che la seconda parte della serie corregga il tiro e si faccia più intrigante ed appassionante.


Di seguito il trailer ufficiale della serie:

Lascia un commento