BoJack Horseman: Stagione 6 Parte 1 – La guarigione di BoJack? | Recensione

0
Bojack Horseman

Debutta oggi su Netflix la prima parte della sesta e ultima stagione di BoJack Horseman, l’irriverente serie animata dedicata ad un pubblico adulto creata da Raphael Bob-Waksberg e disegnata dalla fumettista Lisa Hanawalt. Grazie a Netflix abbiamo avuto il piacere di vedere in anteprima la nuova stagione della serie, vediamo dunque come ci è sembrata questi primi 8 episodi di questa ultima stagione.

BoJack (Will Arnett) ha finalmente deciso di prendersi le sue responsabilità, e decide quindi di iscriversi ad una clinica di riabilitazione per smettere con tutte quelle cattive abitudini che gli hanno distrutto la vita e portato via Sarah Lynn; nel frattempo Mr Peanutbutter (Paul F. Tompkins) sta cercando di buttarsi alle spalle l’avventura con Diane (Alison Brie), Princess Carolyn (Amy Sedaris) deve affrontare la sua nuova posizione come produttrice e madre, invece Diane ora è di nuovo impegnata in una delle sue tipiche battaglie contro il male della società capitalistica che l’ha schiacciata più volte attraverso un blog.

La sesta stagione della serie si apre dunque con delle situazioni parecchio interessanti e allo stesso tempo facilmente ribaltabili da un minimo di comportamento autodistruttivo del protagonista, peccato che proprio il nostro cavallo irriducibile alcolista sia cambiato e non più disposto a trascinare nel baratro altre persone. Le prime due puntate di questa stagione si concentrano proprio sul fatto che BoJack Horseman deve accettare il processo di cambiamento, pronto a tornare nel mondo che lo ha reso ciò che è. Le prime due puntate di questa tranche rappresentano sicuramente la parte più interessante di questi 8 episodi, mostrandoci un protagonista vulnerabile, acido e malinconico, allo stesso tempo anche sulla via della guarigione, una via che spesso ha visto BoJack perdersi ma che, a questo giro, sembra aver trovato la convinzione necessaria. Nelle puntate successive abbiamo modo di esplorare nuovamente la vita dei personaggi non più toccati da BoJack, similarmente a quello che era accaduto all’inizio della stagione 4. Stavolta vediamo una Princess Carolyn cresciuta con ancora più responsabilità, un Mr Peanutbutter forse che sta prendendo troppi comportamenti tipici del suo miglior amico cavallo e una Diane che continua ad essere, stranamente, non più il punto di vista dello spettatore ma un personaggio deciso a non cambiare e che si crogiola nelle sue battaglie vane, senza riuscire ad effettivamente portare a termine qualcosa della sua vita.

Questi primi 8 episodi toccano vari argomenti, dai tanti falliti tentativi di riabilitazione delle star di Hollywood, come lievi battute su Johnny Depp e la sua dipendenza; Riferimenti al mondo attuale di Hollywood, diviso tra femminismo che non spicca e falso femminismo che invece diventa centrale portabandiera del primo quando finalmente si spera che qualcosa possa cambiare. Ma anche, uno dei topic più importanti non solo di questa stagione ma centrale per l’essenza di tutto lo show: la depressione che deriva dalla fama, difficilmente affrontata in una serie tv che parla di celebrità. La depressione non è mai un argomento facile da toccare e proprio per questo quando viene anche solo accennato c’è sempre molta cautela per evitare che se ne parli nel modo sbagliato o in misura eccessiva per il pubblico americano, ma per ora, per quello che ci è concesso vedere, la si sta sviluppando in maniera, se non organica, almeno con una direzione ben precisa in mente.

In definitiva cosa si può dire di questi primi 8 episodi di BoJack Horseman?

C’è ancora veramente poco per giudicare, stiamo parlando di una stagione finale di ben 16 episodi di cui ne abbiamo visto la metà e di cui molte delle storyline anche di stagioni passate stanno finalmente venendo risolte, dunque si potranno tirare le somme solo a fine stagione. Eppure non è tutto rose e fiori, la sensazione che non lascia il cervello dello spettatore a fine di questa prima tranche non è rassicurante, 16 episodi saranno davvero tutti necessari? Per ora la risposta la risposta sembra negativa, vedremo dunque cosa ci porterà la conclusione di questo viaggio a Gennaio 2020.


La prima parte della sesta stagione di BoJack Horseman è ora disponibile su Netflix. Di seguito potete visionare il trailer dell’ultima stagione della serie animata creata da Raphael Bob-Waksberg: