No Time To Die – Il regista voleva un villain più memorabile del Blofeld di Christoph Waltz

0
No Time To Die Rami Malek

Quando si è scoperto che il personaggio di Christoph Waltz in SPECTRE altri non era che Ernst Stavro Blofeld i fan furono sorpresi, ma in fondo si aspettavano il ritorno dello storico villain di James Bond. La sorpresa fu più che altro da ritrovarsi nell’integrazione dello stile del personaggio, molto sopra le righe, anche nel contesto narrativo dei film con protagonista Daniel Craig. L’asticella, dunque, si è inevitabilmente alzata e per questo motivo Cary Joji Fukunaga, regista di No Time To Die, voleva che l’antagonista del suo film non fosse da meno. In una recente intervista, il filmmaker ha notato che il personaggio di Christoph Waltz ha agito come una sorta di perno dei film precedenti, ma ha anche spiegato che il lavoro di Rami Malek per Safin verrà ricordato come uno dei migliori visti nel franchise.

“Prima di tutto voglio dire che Rami appartiene alla schiera dei grandi e talentuosi attori attualmente in circolazione”, ha detto Fukunaga. “Una volta che azzardi con il Blofeld di Christoph Waltz non puoi, dopo, fare meno. Dovevamo pensare in grande per No Time To Die. E questa è una cosa non facile, perché non volevamo realizzare un super cattivo fatto di cliché, ma effettivamente quel serviva era un villain che non solo minacciasse Bond e quelli che ama, ma tutto il mondo”.

Dal canto suo, lo stesso Rami Malek ha aggiunto: “Ci siamo seduti e ci siamo chiesti cosa veramente ci avrebbe spaventato in un cattivo, cosa avrebbe messo il panico nei nostri cuori. Ed è proprio quel senso di paura che contraddistingue il mio personaggio”.

In qualche modo, queste dichiarazioni potrebbero essere una sorta di conferma sulla teoria che circola online da quando il primo trailer di No Time To Die è stato rilasciato: Safin altri non sarebbe che il Dr. No, già visto nell’omonimo film. Non resta che attendere l’uscita del film, anche se i tempi potrebbero essere più lunghi del previsto.

Fonte: ComicBook

Lascia un commento