Sandman – Netflix sta già sviluppando la seconda stagione

0
Sandman

Il creatore di Sandman, Neil Gaiman ha confermato che seppur la serie debba ancora debuttare gli sceneggiatori stanno già programmando la seconda stagione.

Gaiman nel recente periodo sta vivendo un periodo d’oro con la serie di American Gods che è un successo di pubblico e critica su Starz e l’adattamento di BBC/Amazon di Good Omens e ora pure il suo fumetto più famoso verrà adattato sullo schermo, Sandman. La serie tv è stata confermata a Luglio per Netflix con Gaiman come produttore esecutivo insieme a David S. Goyer sempre come produttore e Allan Heinberg (Wonder Woman) come showrunner.

In un’intervista con Radio Times, Gaiman ha confermato che Heinberg sta attivamente lavorando alla serie, mettendo anche i semi per la possibile seconda stagione.

“Abbiamo appena finito di scrivere il primo episodio e stiamo programmando lo svolgimento delle prime due stagioni, vedremo cosa accadrà.”
I produttori e sceneggiatori dunque si stanno mettendo avanti con la produzione della seconda stagione, in caso di un possibile rinnovo. Tale tecnica sembra ormai ben accettata all’interno delle produzioni Netflix, dato che proprio la stessa The Witcher in uscita il 20 Dicembre è stata programmata per durare almeno 7 stagioni secondo le dichiarazioni della showrunner.

Con il materiale a fumetti esistente su Sandman non è impossibile dunque poter già programmare una seconda stagione, per quello che sappiamo sulla stagione uno dello show, essa adatterà i primi story arc del fumetto come “Preludi e Notturni” e qualcosa in più. Quindi possiamo immaginare che ogni stagione potrebbe adattare almeno due story arc all’incirca con la seconda stagione che vedrà “La Casa delle bambole” in cui Morpheus viene imprigionato da un occultista dopo la sua fuga dal mondo dei sogni, la seconda stagione, ma anche la prima potrebbero prendere pure storie dal terzo volume di Sandman, “Dream Country”, che vede una raccolta di storie brevi, che non costruiscono di fatto una narrativa più ampia.

Fonte: Screenrant