[Speciale] – Facciamo chiarezza sullo Spider-Verse di Sony

0
Spider-Verse

Quest’anno il nostro amichevole arrampicamuri è tornato a far parlare di se, grazie al nuovo film in solitaria “Spider-Man: Homecoming”. Questo nuovo film della saga, ha la particolarità di essere co-prodotto da Sony e Marvel Studios. Nonostante il film si sia rivelato un successo, molti spettatori occasionali si sono trovati abbastanza confusi di fronte a questa nuova incarnazione del personaggio. Infatti “Spider-Man: Homecoming” è il sesto film dedicato al personaggio, ed il secondo reboot nel giro di quindici anni. Tutto ciò ha fatto salire a tre il numero degli interpreti del personaggio sul grande schermo, destabilizzando così lo spettatore medio che aveva da poco cominciato ad abituarsi al volto sornione di Andrew Garfield. Per farla breve questo film non è in alcun modo legato alle precedenti versioni cinematografiche, quindi per chi ancora non l’avesse capito, non ci troviamo difronte ad un semplice recasting, ma ad un nuovo starting-point cinematografico.

Come detto prima, questo nuovo capitolo ha ottenuto un discreto successo, tuttavia, Sony sembrerebbe dividere i guadagni con i Marvel Studios mal volentieri, e conscia delle potenzialità del cast di comprimari e villain legati al ragnetto, di cui possiede totalmente i diritti, starebbe puntando alla creazione di un proprio universo cinematografico condiviso, che i fan hanno ribattezzato Spider-Verse. Le prime voci riguardanti un simile progetto risalgono ai tempi di “The Amazing Spider-Man 2″, quando la Sony stava pensando di ampliare l’universo legato al personaggio tramite alcuni spin-off. Addirittura si parlava di un possibile film con protagonista una giovane zia May, ed uno incentrato sulla Gatta Nera. Tuttavia l’unico che ai tempi fu annunciato ufficialmente fu “I Sinistri Sei”, i cui membri erano stati introdotti proprio nel secondo capitolo di The Amazing Spider-Man. Il progetto però naufragò con l’annuncio dell’accordo tra Marvel Studios e Sony, che ha portato ad un ennesimo rilancio del personaggio.

Che Sony non avesse abbandonato totalmente il progetto era intuibile, ed infatti nei primi mesi del 2017 viene annunciato ufficialmente “Venom“. Film in solitaria dedicato al Protettore Letale, prodotto unicamente da Sony senza il coinvolgimento dei Marvel Studios, previsto per il settembre 2018. Ad interpretare l’alter ego del simbionte è stato scelto Tom Hardy, che vestirà i panni di Eddie Brock. Se in un primo momento i fan del personaggio si sono rivelati entusiasti del progetto, in un secondo momento si sono cominciati a chiedere se, e se si, quale versione di Spider-Man sarebbe apparsa nella pellicola. Infatti ai fan del simbionte risulterebbe impensabile un film su Venom senza la partecipazione dell’arrampicamuri, che ricordiamo essere motore indispensabile per le origini del personaggio. Ma Sony chiarì subito che la pellicola sarebbe stata scollegata dall’Universo Cinematografico Marvel, e che quindi non sarebbe stato coinvolto nella pellicola Spider-Man, tanto meno quello di Tom Holland. Nonostante ciò i fan non si dettero per vinti e si iniziò a vociferare su un improbabile, per non dire impossibile, ritorno di Andrew Garfield dietro la maschera di Spidey, o addirittura di un nuovo interprete per il personaggio.

Queste due improbabili possibilità porterebbero all’esistenza di più versioni cinematografiche del personaggio in contemporanea, con un attore che vestirebbe i panni di Spider-Man nei film spin-off, e lo Spider-Man di Tom Holland nei film in solitaria. Questa assurda manovra creerebbe una confusione a dir poco disarmante, e fin da subito la reputammo alquanto impossibile, e piano piano iniziammo ad accettare che probabilmente lo Spider-Verse non avrebbe mai previsto la partecipazione di una qualsiasi versione di Spider-Man, magari limitandosi ad essere blandamente citato. Ma le carte in tavola furono rimescolate questa estate durante un intervista ad Amy Pascal e Kevin Feige, rispettivamente dirigente della Sony e presidente dei Marvel Studios. In tale intervista la Pascal affermava che Venom, e quindi l’intero Spider-Verse sarebbe stato collegato all’MCU. Questo riaccese la speranza dei fan, che a questo punto davano per certa la partecipazione, seppur minima, dello Spider-Man di Holland. Tuttavia nei giorni seguenti Kevin Feige smentì le affermazioni della Pascal dichiarando che l’MCU e lo Spider-Verse sarebbero restati separati, o comunque non collegati in maniera diretta.

Insomma la situazione è ancora piuttosto torbida, e i fan si sono divisi, tra chi crede che i due progetti non potranno mai collidere, e chi da per scontata la partecipazione degli Avengers nello Spider-Verse. A nostro avviso la verità sta nel mezzo. Infatti Feige ha affermato semplicemente che i due progetti sono ben distinti, e che lo Spider-Verse non essendo co-prodotto dai Marvel Studios non si può dire ufficialmente parte dell’MCU. Tuttavia questa affermazione non preclude, che i due universi possano essere collegati, seppur indirettamente, in futuro. Ed il filo conduttore potrebbe essere proprio lo Spider-Man di Holland. Ad avvalorare questa tesi è la logica, che porterebbe ad escludere un ennesimo recasting del personaggio, che risulterebbe alquanto ridicolo, e ad escludere altrettanto una sua totale assenza dal progetto. Inoltre vi sono forti rumor che vorrebbero l’apparizione dello Scorpione interpretato da Michael Mando in “Silver and Black”. Il personaggio è stato introdotto proprio in “Spider-Man: Homecoming”, interpretato dal suddetto attore, e quasi sicuramente sarà villain principale del sequel. Se così fosse potremmo star pur certi che il collegamento esista eccome.

E’ alquanto improbabile tuttavia che altri personaggi dell’MCU non legati direttamente a Spider-Man compaiano nello Spider-Verse e viceversa. insomma non vi aspettate gli Avengers che combattono contro Venom, e non vi aspettate nemmeno che lo Spider-man di Holland appaia nel film del simbionte. Infatti a nostro avviso la partecipazione di Spider-Man al progetto, almeno inizialmente, sarà comunque molto limitata, relegandolo a qualche comparsata almeno fino al terzo capitolo della nuova trilogia. Infatti l’accordo tra Marvel Studios e Sony, prevede un contratto di co-produzione di quattro film per il personaggio, “Spider-man: Homecoming“, il sequel, Avengers: Infinity War ed Avengers 4. Questo ci porta a pensare che probabilmente il terzo capitolo della già annunciata trilogia sarà totalmente prodotto da Sony, ed in quel caso sarebbe altrettanto probabile che la collisione con lo Spider-Verse diventi evidente.

Insomma sembrerebbe che i due progetti collideranno in un modo o nell’altro, seppur magari inizialmente non in modo evidente. O almeno fin’ora questa è l’ipotesi più probabile, insomma staremo a vedere. Quello che è certo, è che da qui ai prossimi anni, Spider-Man sarà protagonista indiscusso al cinema, e che se la nostra ipotesi si rivelasse fondata ci troveremmo finalmente di fronte alla versione definitiva del personaggio sul grande schermo.