I 15 Migliori Videogiochi del 2018 | Speciale

0

Florence

Disponibile per iOS e Android

E bene sì, nella lista dei nostri giochi migliori dell’anno trova spazio anche un mobile game. Dopo lo straordinario successo di Monument Valley, il lead designer del gioco, Ken Wong torna con un titolo completamente nuovo, una storia d’amore interattiva. Florence, infatti, non è un rompicapo che sfrutta sapientemente la prospettiva come il suo precedente lavoro, ma bensì un’avventura grafica, una sorta di graphic novel dinamica che racconta gli alti e bassi del primo amore. Il gameplay, come potrete intuire, è ridotto all’osso, dovremo “semplicemente” far progredire la storia compiendo delle scelte dalle quali dipenderà il futuro amoroso della giovane Florence. In un panorama mobile dominato da battle royale e da giochi che basano tutto sulle micro-transazioni e sul pay-to-win, Florence rappresenta una piccola eccezione che, una volta giocato, dimenticherete molto difficilmente.

Forza Horizon 4

Disponibile per Xbox One e Windows 10

L’esclusiva di casa Microsoft sviluppata da Playground Games si conferma, ancora una volta, il miglior titolo sportivo e automobilistico dell’anno. Forza Horizon 4 si sposta nel Regno Unito, sfrecciando in varie regioni iconiche come le Costwolds, Edimburgo e la Scozia settentrionale e nord-occidentale. Il mondo open-world di gioco cambia in modo dinamico al passare delle stagioni. D’inverno il paesaggio sarà ricoperto di neve e ghiaccio e poco illuminato; d’estate, al contrario, l’illuminazione è molto più calda e accesa. In autunno, le foglie ricoprono la strada e il paesaggio si colora di giallo e marrone, mentre in primavera assume un colore verde brillante, con un cielo azzurro. Questo nuovo capitolo della saga prende tutto il meglio del precedente capitolo e lo sposta oltre, raffinando e espandendo una struttura di partenza già ottima. I ragazzi di Playground Games hanno davvero fatto un lavoro eccelso, confezionando un gioco automobilistico arcade di grande levatura, stratificato e ricco di intuizioni vincenti, insomma un piccolo capolavoro videoludico.

Frostpunk

Disponibile per PC

Sviluppato dal team polacco 11 Bit Studios, già autori di Anomaly e, soprattutto, dello splendido This War of Mine, Frostpunk è un city building ambientato in un mondo post-apocalittico in cui ci troveremo a guidare l’ultima città sulla terra. Integrando meccaniche survival ad una struttura da city builder, veniamo messi a capo di una comunità di persone che devono sopravvivere al freddo ed alle insidie del pericoloso mondo, dove il carbone è una risorsa fondamentale ed il calore è l’unica via di salvezza.  Un gioco tecnicamente e graficamente eccellente, con scelte stilistiche perfette per dare la sensazione di freddo che avvolge i coloni che cercheremo di far sopravvivere. A questo aggiungete che le scelte di gioco andranno ad influenzare l’andamento della storia, altro punto che discosta il gioco dai classici city builder sandbox, ed avrete un gioiellino assolutamente da provare. Unica pecca la scarsa longevità, che non intacca però la qualità complessiva di un prodotto eccellente.

God Of War

Disponibile per PlayStation 4

Sicuramente uno dei titoli più attesi dell’anno e non solo, un gioco che, a seconda dei punti di vista, si è spartito con Red Dead Redemption 2 la palma di titolo dell’anno — Si, vi stiamo spoilerando il nostro gioco dell’anno. God Of War è questo, e molto altro. Il gioco in cui, dopo anni, abbiamo ripreso le vicende di Kratos, è un capolavoro sotto quasi ogni punto di vista. Graficamente, il titolo di SIE Santa Monica Studio è un gioiello: i paesaggi e le atmosfere della mitologia nordica nelle quali Kratos e Atreus si avventurano sono assolutamente impareggiabili, con una cura maniacale nei dettagli ed una scelta di colori e design pressoché perfetta e molto evocativa. Inoltre, dal punto di vista della struttura dell’area di gioco, God of War riesce a dare la quasi perfetta illusione di trovarci in un mondo aperto, laddove invece si percorre una strada predefinita, con la sola possibilità di prendere alcune deviazioni che, in ogni caso, riportano sempre alla strada principale. A livello di gameplay, ci troviamo di fronte ad un action moderno, molto diverso dall’hack’n’slash dei precedenti capitoli, ma capace di impegnare il giocatore, soprattutto per le sfide che esulano dalla trama principale, che porta via una ventina di ore. Come già anticipato, in un mondo senza Red Dead Redemtion 2, saremmo di fronte sicuramente al gioco dell’anno.

Gris

Disponibile per Nintendo Switch, PC e Mac OS

Rilasciato il 13 dicembre 2018,  Gris è un platform game sviluppato da Digital Devolver: in questa avventura dovremo colorare il mondo in cui si muove la protagonista, diventato grigio. Punto di forza assoluto del prodotto è sicuramente il comparto grafico, che si incastra perfettamente con il tono fiabesco e agrodolce della trama, che vede la nostra eroina, rimasta senza voce, intenta a risolvere enigmi ed avventurarsi in un mondo che oscilla tra la disperazione e la favola e che riacquisterà colore man mano che andremo avanti nella storia. Le scelte cromatiche del gioco, che potremmo definire un enorme acquerello, sono il fiore all’occhiello di un gioco semplice a livello di gameplay, ma con una profondità narrativa e di tematiche ai massimi livelli. Un prodotto sicuramente coraggioso e per giocatori che cercano qualcosa di diverso da quanto proposto dal mercato mainstream.